Cerca

"Paranormal Activity" terrorizza l'America

Costato solo 15mila dollari, l'horror low cost sbarca in Italia il 5 febbraio

"Paranormal Activity" terrorizza l'America
«È un film la cui intenzione è quella di apparire fatto in casa, più che un horror lo definirei un thriller-psicologico, un thriller-paranormale perché non c'è né troppo sangue né troppa violenza». Così il regista Oren Peli definisce il suo film “Paranormal Activity”. L'idea è nata insieme alla sua compagna dell'epoca, anche se il progetto e le decisioni, come lui stesso tiene a specificare, sono tutte dell’autore. Girato in una sola settimana, con una troupe di tre persone (oltre al regista, il suo migliore amico e l'ex convivente), il film è costato solo 15mila dollari, ma ha già superato i 107 milioni di dollari al box office negli Stati Uniti, conquistando il titolo di film più remunerativo nella storia del cinema.

Il set - Anche il set è stato messo a disposizione da Peli: «Mi interessava il mondo dei demoni, degli spiriti e dei fantasmi e volevo riprendere con una videocamera quello che succedeva durante la notte. Quando mi trasferii nella mia nuova casa a San Diego sentivo degli strani scricchiolii per via del variare delle temperature dato che era di legno, da lì è nata l'idea del film, sono affascinato dal mondo delle presenze che sconvolgono la coppia, ma non credo nei demoni e non pratico nessuna religione».

Il finale di
Spielberg  - Da quando il regista ha iniziato a lavorare a “Paranormal Activity”, sono state apportate diverse modifiche alla versione originale: il finale, ad esempio, che in un primo momento era «piuttosto debole», è arrivato dopo numerosi esperimenti. Quello che gli spettatori vedranno nelle sale è frutto della fantasia di Steven Spielberg.

La distribuzione - La pellicola arriva nelle sale dopo qualche anno dalle riprese, a causa dei problemi di distribuzione: «Non avevo la minima idea di cosa sarebbe venuto fuori, ho passato momenti di alti e bassi, per due anni abbiamo cercato una distribuzione, c'era un accordo con Dreamworks che si era impegnata a fare uscire il film nell'autunno 2008, dopo che Paramount e Dreamworks si separarono il film è finito alla Paramount e ci è voluto un altro anno prima che si decidesse ad utilizzarlo, solo dopo l'uscita ci siamo resi conto del successo». Alla casa cinematografica si deve l'intelligente operazione di marketing: «Internet ha svolto un ruolo fondamentale per questo film, attraverso il sistema Demand it! di Facebook e un sito web appositamente dedicato, in seguito grazie ad un incredibile passaparola il film si è esteso oltre i confini nazionali».

"Paranormal Activity" uscirà nelle sale italiane il 5 febbraio distribuito da Filmauro in 350 copie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog