Cerca

"Il porno è un lavoraccio"

Parola di regista hard

"Il porno è un lavoraccio"
Si fa presto a dire “voglio fare un film porno”. Chi crede che per entrare nel lussurioso mondo a tripla X bastino una coppia prestante, una videocamera ed un po’ di fantasia si sbaglia di grosso.
Qua non si improvvisa nulla e occorre studiare. «Il porno è un lavoraccio, serve passione, preparazione e serietà»: a parlare, serissimo e in uno strano accento catalano-pugliese, è Giancarlo Candiano, 33 anni, ex paracadutista e oggi regista e docente del cinema piccante di qualità.
Sarà lui, barese di nascita e star in Spagna, dove vive da otto anni, il “responsabile didattico” del primo Master in regia hard, che debutterà in Italia all’interno della nuova edizione di MiSex. Fino a ieri erano quindici i discepoli di Candiano: per loro una prima sezione dedicata alle questioni tecniche ed una seconda pratica/psicologica. «Sa qual è la dote principale di un regista? – puntualizza Candiano - La pazienza. Gestire una trentina di persone tra troupe attori richiede sangue freddo e molta calma». Negli anni Novanta, il docente del MiSex è ancora un militare di professione: sotto-ufficiale e paracadutista, partecipa con la Folgore a due missioni italiane in Somalia. Poi un incidente lo porta al congedo. «I soldi dell’indennizzo li uso per autoprodurre il mio primo film, “Il castello del piacere”: all’epoca ero iscritto all’Accademia di Cinematografia Catalana, quella “seria”. L’ho frequentata per due anni». I suoi punti di riferimento sono i maestri di Hollywood: «Io sono uno dei due o tre registi “veri” del porno. E non ho perso la speranza di girare un film per tutti».  
Domani, nelle pagine della cronaca milanese, potrete leggere l'intera intervista del nostro Claudio Brigliadori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog