Cerca

Il Festival degli autori premia i migliori di Sanremo

Tra i primi, i fratelli Calabrese "padri" di Credimi ancora cantata da Marco Mengoni

Il Festival degli autori premia i migliori di Sanremo
Mentre il Festival della canzone italiana è tenuto in vita dagli spogliarelli di Antonio Cassano e dalle diete fallite di Antonella Clerici, a Sanremo c'è chi la musica la prende sul serio. E la kermesse se la fa da sè: autori delle canzoni e la musica al centro. Una settantina tra parolieri, arrangiatori e compositori sono infatti riuniti allo Yacht Club della cittadina ligure per esplorare il mondo della composizione e assegnare i veri bollini di qualità di questa ricorrenza nazionale: gli awards del Festival degli autori. Un riconoscimento simbolico, una targa da 25 euro, ma che tutti gli autori dei testi in gara all'Ariston passano a ritirare.

 Tra i primi, Massimo e Piero Calabrese 'padri' di 'Credimi ancora' cantata da Marco Mengoni, vincitore di X Factor e tra i favoriti per il premio del Festival ufficiale. I due fratelli, tra l'altro autori di Alex Baroni, Giorgia, Zero Assoluto, apprezzano il modus operandi del Festival degli autori: “La creazione di una canzone necessita di un percorso– spiegano a Libero i Calabrese - spesso lungo, come successo, ad esempio, per l'album di Mengoni. Abbiamo rivisto talmente tante volte il pezzo che lui, scherzando,dice che con le varie versionisi può fare un album a sé. O con Giorgia, che all'inizio ci rifiutavano tutti e adesso è una star”.

 Una visita dai missionari della musica riuniti sul porto non se la lascia scappare nessuno: l'organizzazione si finanzia grazie ai contributi dei partecipanti e al lavoro non retribuito degli esperti del settore che muovono le fila del raduno, come Ermanno Croce e Euro Ferrari. Il risultato è un laboratorio musicale in cui esperti, appassionati e giovani artisti si incontrano. Non con l'obiettivo di fare share, ma di costruire artisti. Premio finale: la possibilità di incidere un cd. Data scelta per la premiazione: il 21 giugno, giorno della Festa europea della musica.

 Il Comune e gli altri enti pubblici come anche la Rai non hanno versato un euro per chi cerca di produrre artisti, per l'esibizione di Cassano invece sono stati spesi oltre 100mila euro. Ma anche la Siae (società italiana autori e editori) non ha dato un aiuto a questa manifestazione: “Quando ho chiesto loro di comunicare agli autori iscritti del nostro Festival – racconta Ermanno Croce – si sono rifiutati adducendo problemi di privacy: in questo modo i circa 100mila autori che ci sono in Italia difficilmente sapranno cosa stiamo facendo qui”.

Riguardo alla situazione degli autori, anche i Calabrese hanno da togliersi qualche sassolino dalle scarpe: “Rispetto ai Festival in cui cantava Nilla Pizzi, quando a vincere era la canzone, ora i riflettori sono concentrati solo sui cantanti. È un malcostume a cui siamo tutti abituati: basti pensare ad internet dove non sono riportati i nomi di chi ha scritto le canzoni che vengono scaricate”. Così al Festival degli autori si riuniscono persone che nella vita lavorano come assicuratore o falegname e che sotto la guida di esperti come Croci cercano di coltivare la loro vena artistica, nonostante l'indifferenza della televisione e dei grandi media.

 

 

Michelangelo Bonessa Carlotta Clerici

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • LIANABEL

    25 Febbraio 2010 - 10:10

    2a parte ) --> CHI SE NE FREGA ...CI PENSIAMO NOI..FAREMO NOI PUBBLICITA', anche se noi non siamo nessuno, ed io meno che meno, ma l'unione di qualcuno , di qualcosa e di niente...fa una forza grandissima; Grazie ancora LIBERO, la vostra collaborazione è ai livelli massimi....GRAZIE DI QUESTA ENNESIMA SORPRESA...ANDATE AVANTI nb: mi è partito il commento precedente da solo, scusate non so come terminava, cmq questa è la FINE..chiedo scusa! LIANA (presente al festival semplicemente come amante della musica buona)

    Report

    Rispondi

  • LIANABEL

    25 Febbraio 2010 - 10:10

    Buongiorno Redazione e cari lettori, anche stavolta il nuovo articolo mi ha emozionato..è cosi' bello e sorprendente leggere ancora tanta stima e riconoscimento per karmase come il Festival degli Autori" che ha avuto luogo allo Yacht Club a Sanremo; mentre dall'altra parte della citta' si svolgeva una gara fra lussi e ascensori spaziali...FINALMENTE in un circolo accogliente e caldo si incontravano artisti di ogn tipo, grazie ai loro stessi contributi, perche' nemmeno la SIAE ha accettato di diffondere l'esistenza dell'evento presso tutti gli autori, interpreti, , arrangiatori e maestri ...m non importa...a che servono grandi e famose autorita' ..o organi che dovrebbero essere competenti a favorire l'emergere di artisti nell'ombra..?? Che importa se vogliono "fare" muti e sordi..davanti alla realta'? ma davvero... Grazie Michelangelo e Libero per avere ancora una volta colto e rappresentato l'essenza di

    Report

    Rispondi

  • Acquamarina

    24 Febbraio 2010 - 17:05

    Finalmente non si sente parlare solo del Festival di Sanremo,ma si da voce anche al Festival Degli Autori,grazie a Libero, dove qui c'è la vera anima della canzone,dove con grande professionalità gli Autori creano una poesia che si sposa con la musica, senza autori non ci possono essere gli interpreti che cantano al festival di Sanremo...

    Report

    Rispondi

  • nunzio.misseri

    24 Febbraio 2010 - 15:03

    Buon giorno ,sono Nunzio Misseri,vorrei ringraziarvi per averci dato spazio nel vostro giornale,vorrei ringraziare tutti i bravi autori , interpreti , musicisti e collaboratori e gli organizzatori del festival degli autori ,mi sono veramente emozionato per questo evento,un grazie particolare al maestro Ermanno Croce ai produttori maestro Alberto Boi, al maestro Euro Ferrari,e al tutto lo staff di Sanremo festival degli autori,e' stata una grande esperienza,grazie a tutti i partecipanti, e perche' no grazie alyocht club di Sanremo che ci ha ospitato,e grazie ai bravi cuochi e camerieri,grazie di cuore .Nunzio

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog