Cerca

Pete Doherty arrestato per omicidio

Sarebbe responsabile della morte per overdose di una ricca ereditiera

Pete Doherty arrestato per omicidio
Questa volta non basteranno i soldi a tirarlo fuori dai guai. Una vita di sregolatezze, la storia tormentata con Kate Moss e poi la droga: lui l'aveva portata sulla strada della cocaina ma lei lo amava follemente. Poi il successo degli album di lui, genio sregolato e maledetto, i calendari di lei, sempre più magra e sempre eternamente bella. Una vita di eccessi, quella di Pete Doherty, la pop star britannica frontman del gruppo Babyshambles, che è stato arrestato la scorsa settimana, sospettato di aver fornito le droghe che hanno ucciso l'ereditiera britannica Robin Whitehead lo scorso gennaio. Secondo le dichiarazioni della polizia, il cantante 31enne, già noto alle cronache per i suoi eccessi legati alla droga e non solo, è stato arrestato il 19 marzo e interrogato insieme ad altri quattro indiziati in relazione alla morte della giovane; subito rilasciato, dovrà ripresentarsi a Scotland Yard ad aprile, dopo ulteriori verifiche sul caso.  Secondo quando riportato dall'Ansa, Doherty e Whitehead avevano recentemente lavorato insieme per la realizzazione di un documentario diretto dall'ereditiera 27enne dal titolo The Road to Albion, sulla vita della pop star e sulla band che lo ha reso celebre, i Libertines. Il lavoro aveva portato i due a intense frequentazioni tanto che alla morte della ragazza - il cui corpo è stato ritrovato in un appartamento nell'est di Londra lo scorso 24 gennaio - Doherty si era detto sconvolto e affranto.

L'ereditiera- Nipote di Teddy Goldsmith, il fondatore della rivista The Ecologist, pronipote del miliardario Sir James Goldsmith, Robyn era la figlia di Dido Whitehead, cugina di Jemina Khan e Zac Goldsmith; e aveva appena terminato di girare un documentario -The Road to Albion- sul cantante e sulla sua ex band, The Libertine. I due avevano dunque trascorso molto tempo insieme. L'appartamento dove fu ritrovato il corpo era affittato da un amico di Doherty, Peter Wolfe che pero' ha negato di averle fornito droga. E' stato fermato anche lui, insieme alla proprietaria dell'appartamento, entrambi accusati anche di intralcio alle indagini. La pagina web della giovane mostra immagini di Doherty con il corpo avvolto nel gesso, sdraiato su una tavolo in posizione crocefissa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog