Cerca

Asia Argento contro Morgan

Oggi in tribunale per contendersi la figlia

Asia Argento contro Morgan
Oggi Asia Argento sarà al Tribunale dei Minori di Roma per chiedere che sia tolta all’ex compagno Morgan la patria potestà parentale sulla loro figlia nata nel 2001. Pare che il cantante non potrà essere presente al processo a causa di un’operazione alle corde vocali, che lo vede ancora convalescente.

Giampaolo Cicconi, che insieme all’avvocato Enrico fioretti, assiste legalmente Morgan, ha dichiarato che si opporranno fermamente alla richiesta dell’Argento di far decadere Morgan dalla podestà genitoriale. L’attrice il 4 marzo scorso aveva già ottenuto dal Tribunale dei Minori di Milano l’affidamento esclusivo della bambina e il mantenimento della stessa, da parte del padre, con un assegno mensile di 2 mila euro più le spese extra (500 euro al mese).

Pare che la ragione alla base della nuova richiesta dell’Argento sia l’intervista shock rilasciata da Morgan al mensile Max, nella quale aveva dichiarato di far abitualmente uso di droghe, intervista che ora forse gli costerà ben più dell’esclusione al Festival di Sanremo. «Francamente non capisco la richiesta di togliere a Morgan la potestà genitoriale: non ci sono i presupposti, ha sempre seguito la figlia. E poi togliere una bambina così piccola al padre può essere un trauma» ha detto l’avvocato di Morgan. Inoltre gli avvocati ricorreranno contro la decisione del Tribunale circa l’ammontare dell’assegno mensile, considerato spropositato per una bambina così piccola.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sorez

    04 Maggio 2010 - 19:07

    Morgan non é un santo ma é il padre di sua figlia. Nemmeno lei é mai stata santa e mai lo sarà. Come donna una potrebbe capire le preoccupazioni di questa se fossero sincere, ma é strano che non si accontenti dell'affido esclusivo e di modalità di visita magari protette se prova le cose che dice. Credo bastasse come tutela. Stranamente invece vuole invece togliergli la potestà (forse per portare la figlia in America..se no perché una scuola per stranieri), intanto si lamenta che vede poco la figlia, intanto chiede 30.000 euro all'anno, ma auspica il lieto fine. Senza parole. Intanto sbatte gli affari privati su vanity fair, mette in cattiva luce il papà davanti alla figlia sul giornale, la figlia legge e le amiche pure . ...certo che per soldi questo ed altro.

    Report

    Rispondi

  • taccodighino

    11 Aprile 2010 - 19:07

    Vorrei sapere in che stato erano entrambi quando hanno "deciso" di avere una figlia!

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    09 Aprile 2010 - 14:02

    Certi panni vanno lavati in famiglia,prendere le dovute precauzioni per vivere tranquilli ma, poi, non pubblicizzare certi accadimenti perchè,quell'uomo, è e sarà sempre colui che l'ha generata. Ma non credo che colei che accusa Morgan d'avere assunto la cocaina sia,in sintesi, migliore del marito almeno,da quello che le cronache giornalistiche narrano di Lei. E' proprio vero quel detto che recita: a cigolare è sempre l'ultima ruota del carro.

    Report

    Rispondi

  • crudel1o

    09 Aprile 2010 - 07:07

    Ahahah... persino Asia Argemto, una fuori di testa mica da ridere, si rende conto che Morgan è un povero sbandato. A questo punto rimane solo una cosa da fare: allestire un bello show, tipo, non so, "MediasetPerUnaNotte" sulle reti Mediaset in cui si dica chiaro ai ragazzini: "La Cocaina è un male". Perché la cocaina, caro Santoro, è un male. Aspetta che te lo ripeto: la cocaina è un male. Anzi, basta dire il nome: la cocaina. La cocaina, Santoro. La cocaina.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog