Cerca

Bonolis: "Non sarò mai il Santoro del centrodestra"

Il conduttore critica i politici "mediocri" e Berlusconi: "Meglio Veltroni di uno che fa bene i conti dell'azienda"

Bonolis: "Non sarò mai il Santoro del centrodestra"
"Non sarò mai il Santoro del centrodestra. Ho splendidi rapporti con alcuni rappresentanti del centrodestra, come ho una forte amicizia con Walter Veltroni e sono stato qualche volta a pranzo con Michele Santoro".  Così l’eclettico Paolo Bonolis promette ai fan del piccolo schermo che, pur avendo contatti e amicizie “politiche”, non lascerà mai i suoi spettacoli per dedicarsi all'informazione o ai dibattiti in tv, perché "al centrodestra non serve un santone. E’ già vivo “Dio” nel centrodestra - aggiunge Bonolis riferendosi a Berlusconi - e quando morirà “Dio” ci saranno i suoi profeti".

Bonolis contro tutti - Il presentatore non entrerà nel mondo delle poltrone e della cosa pubblica: "
Libero-news.itLibero-news.it

Gli italiani hanno smesso di essere un popolo per diventare un pubblico

Non può andarci chiunque e invece, purtroppo, ci va chiunque, come del resto in televisione. Quelli che sono bravi finiscono con l’essere fagocitati dall’immenso numero di mediocri. La vittoria del centrodestra nasce proprio dal suo contrario: il centrodestra si fa ascoltare, è molto più televisivo. Gli italiani hanno smesso di essere un popolo per diventare un pubblico. Il centrosinistra probabilmente questo non l’ha ancora capito". Bonolis ne ha per tutti, destra, sinistra e gente comune, e pur non essendo un politico, accusa, critica e dà consigli e suggerimenti: "Per la politica gli italiani non sono il fine, ma il mezzo. La politica dovrebbe essere più silenziosa, dovrebbe essere più operativa e meno esibizionista. Mi auguro che torni ad essere più fattiva".

Libero-news.itLibero-news.it

Walter Veltroni mi dà più fiducia per guidare un Paese di uno che fa bene i conti della sua azienda

In questo scenario, per il conduttore, "l'astensionismo è l’unico atto che ancora illumina le coscienze". E uno dei pochi politici da salvare è Walter Veltroni: "Ho letto i suoi libri e quando una persona è in grado di cogliere alcuni aspetti della vita con quella sensibilità, mi dà più fiducia per guidare un Paese di uno che fa bene i conti della sua azienda". Il riferimento, ovviamente, ancora una volta è al presidente del Consiglio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • franziscus

    24 Aprile 2010 - 12:12

    Che importa se veltroni non sa amministrare ? Mica usa i soldi suoi, ma i nostri. Se poi lascia i debiti qualcuno (noi) pagherà. In quanto ai suoi bei libri (saranno proprio scritti da lui?) mancavano proprio al patrimonio letterario dell' umanità !

    Report

    Rispondi

  • aldopastore

    21 Aprile 2010 - 13:01

    ....Ingrati. Fini docet.

    Report

    Rispondi

  • roaldr

    21 Aprile 2010 - 07:07

    e bravo Bonolis..e visto che ti sei sbilanciato, e che ci hai dato del "pubblico": le tue trasmissioni, specie "ciao Darwin", sono basate soprattutto sul ridicolizzare l'aspetto fisico, o la scarsa cultura, di qualche concittadino meno fortunato..chi ride delle disgrazie altrui, si può chiamare in un solo modo: stronzo!

    Report

    Rispondi

  • alphacento

    21 Aprile 2010 - 07:07

    Questa e una delle frasi fatte italiene che non sopporto. Una delle solite frasi per zittire qualsiasi persona che critichi il suo datore di lavoro ecc. Se si usasse questo principio allore lei non potrebbe criticare niente e nessuno perche cadrebbe nel "principio di sputamento". Comunque ha ragione biri. Se si accusa Bonolis di accettare i soldi di Berlusconi tramite Mediaset (azienda privata) criticando il governo allora si ammette passivamete il conflitto d'interessi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog