Cerca

Berlusconi contro la Dandini

"E' veramente incredibile come una trasmissione pagata con i soldi pubblici si diletti nell'avere come unico bersaglio il governo"

Berlusconi contro la Dandini
Una trasmissione pagata con i soldi pubblici si diletta nell’avere come unico bersaglio il governo. Così il presidente del Consiglio Berlusconi avrebbe criticato l'ultima puntata della trasmissione di Serena Dandini Parla con me, in onda su Raitre in seconda serata. Secondo quanto riferito da fonti ministeriali, l'attacco parte dal Consiglio dei ministri. Il premier, infatti, oltre a occuparsi di crisi economica e, dopo aver bypassato la questione Scajola, della quale si riparlerà "tra qualche giorno", si è soffermato sulla Dandini: "Avete visto, è veramente incredibile come un servizio pubblico possa continuare in queste aggressioni".

La Dandini si difende - Alle prime indiscrezioni la conduttrice risponde appellandosi a un classico, il diritto di satira: "E' nella sua natura criticare il potere. Sembra che scontentando tutti Parla con me abbia trovato un suo equilibrio. Il problema è anche che la satira per sua natura tende a prendersela con il potere" che "in Italia oggi si identifica con Berlusconi e quindi siamo costretti ad occuparci di lui con una certa continuità. In passato è toccato a Prodi, D’Alema, Craxi, Veltroni e tanti altri. Tutto qui".
Tra lo scetticismo generale, la Dandini poi sostiene che anche la sinistra si lamenti della sua satira: "Durante la settimana sono stati numerosi gli elettori del centrosinistra che hanno inviato le loro mail di protesta perché in trasmissione abbiamo fatto numerose battute contro il gruppo dirigente del Pd. Oggi il presidente del Consiglio durante la riunione dei ministri ha trovato il tempo per prendersela con una trasmissione che si è permessa di intervistare il presidente emerito della Corte Costituzionale, Gustavo Zagrebelsky, e di fare un po' di satira politica".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • autodidatta

    10 Maggio 2010 - 14:02

    MA SE NON CI FOSSE BERLUSCONI DI COSA PARLEREBBERO ANNO ZERO-BALLARO'-PARLA CON ME E TANTE ALTRE TRASMISSIONI'

    Report

    Rispondi

  • moicano

    10 Maggio 2010 - 12:12

    I soliti sinistri. La loro tecnica è ormai collaudata, ma marcia. Ormai non ci crede più nessuno. Prima sparano a zero, vomitando tonnellate di letame (esatto, dalle loro boche esce solo m****), contro la parte avversa (a senso unico), poi, se qualcuno se la prende, gridano all'attentato alla libertà di informazione e di espressione, all'intimidazione. A parte il fatto che questi figuri (il peggiore secondo me è Bertolino) non si intimidiscono neanche per il cazzo, tanto hanno dietro l'impero economico, mediatico, finanziario, giornalistico e giudiziario della sinistra (altro che Berlusconi, una pulce in confronto), ma, soprattutto, fino a dove si può spingere questa tanto osannata libertà? E poi, se di libertà vogliamo parlare, chi da anni è sotto l'attacco velenoso e ipocrita di questa "bella" gente, è libero di incazzarsi o no? Può dire che non gli sta bene e non apprezza queste benevole attenzioni o deve pure esserne contento?

    Report

    Rispondi

  • cal.vi

    10 Maggio 2010 - 11:11

    non te la prendere, dico solo che i compagnucci possono farsi le trasmissioni di comodo sulle reti private, pagate con la pubblicità, e non con i soldi anche del mio canone rai.

    Report

    Rispondi

  • Giuly3210

    10 Maggio 2010 - 11:11

    ma con tutto quel che ci propone sia rai mediaset vedi ore pomeridiane lasciando da parte la disinformazione dei TG di entrabi. si è di fronte ad una TV spazzatura. Berlusconi ho chi per esso stanno li a fare le pulci con la lente d'ingrandimento prendedosela sia con programmi satirici e non solo perchè al Premier non piace, ma fatemi il piacere

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog