Cerca

Eastwood spegne le prime 80 candeline

Dalla trilogia del dollaro a Million dollar baby, tutti i successi di un'icona del cinema americano

Eastwood spegne le prime 80 candeline
Tanti auguri mister "4 Oscar". Lunedì 31 maggio ha infatti compiuto 80 anni Clint Eastwood, il volto del western a stelle e strisce che negli ultimi anni di carriera cinematografica si è tolto le sue belle soddisfazioni anche nei panni di regista, con la plurititolata pellicola "Million dollar baby" del 2005.

Impossibile ricordare il curriculum vitae di un mito della televisione americana, che ha iniziato a far capolino sullo schermo nel film Tarantula del 1955 La carriera di Eastwood ebbe una svolta grazie alla collaborazione con Sergio Leone; interpretò da protagonista prima "Per un pugno di dollari" nel 1964, quindi "Per qualche dollaro in più" nel 1965 e infine il terzo ed ultimo film della cosiddetta "trilogia del dollaro", "Il buono, il brutto, il cattivo", nel 1966.
Da allora una serie di successi: dall'Ispettore Callaghan, al western "Gli spietati" (1993) che gli valse il primo oscar. Poi la transizione tematica fino ad arrivare all'ultimo successo sulla boxe con "Million dollar baby".
Tra l'altro, grazie a quella sua performance nel film, Eastwood è ancora l'attore più anziano ad avere ricevuto un oscar, all'età di 75 anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • grilloparlante

    01 Giugno 2010 - 09:09

    Milioni di auguri, grande attore ! Grande vecchio! Grande uomo!

    Report

    Rispondi

  • renatarossi

    01 Giugno 2010 - 00:12

    ieri sera ho girato sul tg 2 quando il servizio su Clint era cominciato. M'è preso un colpo.Il giornalista faceva una carrellata sui films,ma ne parlava al passato,come fosse morto.Non avendo visto l'inizio,sono caduta nell'equivoco che tale è rimasto fino alla fine.Ho cercato su internet la notizia....ovviamente nulla,ma non date a me della cretina,sono i servizi fatti da schifo.Con quel che costano alla collettività...Un mito è ancora arzillo e sulla scena,meno male.

    Report

    Rispondi

blog