Cerca

Una muffa ha ucciso Brittany Murphy e suo marito

Gli inquirenti credono che a ucciderli sia stato un fungo killer sviluppatosi sulle pareti della loro casa per colpa dell'umidità

Una muffa ha ucciso Brittany Murphy e suo marito
Lei era stata trovata morta nella sua abitazione di Los Angeles a dicembre dello scorso anno. Lei è Brittany Murphy di 32 anni, protagonista di film come “Ragazze interrotte”, “8 Mile” e “Don't Say a Word”. Secondo i medici che l’hanno soccorsa si trattava di “decesso per morte naturale”.

Qualche mese dopo anche il marito, Simon Monjack di 39 anni, è stato trovato morto nella casa sulle colline di Hollywood. Nonostante tutto in molti avevano sollevato dubbi sulla morte dei due, in particolare sull’attrice che in passato era stata al centro del gossip per abuso di sostanze stupefacenti.

Tuttavia questa sembra una notizia di quelle assurde e impossibili. Di quelle vicende che possono capitare solo nei film. Insomma: sembra che la causa di morte dei due coniugi sia stata la muffa. Secondo il coroner, Brittany e il marito sono morti per via di una brutta polmonite, e una grave anemia che aveva causato loro un attacco di cuore. E proprio la forte polmonite sarebbe sorta in seguito alla troppa umidità proveniente dalla muffa sui muri della loro villa di Beverly Hills.

Lo avrebbe rilevato il Dipartimento di Pubblica Salute dopo le autopsie e ulteriori accertamenti. Il Dipartimento della Salute Pubblica, sta investigando per cercare di capire se sia stata la muffa a uccidere la coppia oppure no. Certo la notizia sembra assurda all’alba del 2010, ma soprattutto perché si tratta di vip che vivono nel lusso.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • robex

    11 Agosto 2010 - 18:06

    sono davvero dispiaciutaper questa coppia e sono d'accordo con l'articolo che è assurdo morire così.ma erano così ricchi o è stata una cosa che si era nascosta in infratti della casa nascosti.che perdita.

    Report

    Rispondi

blog