Cerca

Julia Roberts dice "no" al botox

L'attrice non teme di invecchiare e ci tiene alle sue rughe: "La tua faccia racconta una storia e non dovrebbe essere la storia delle visite da un medico chirurgico"

Julia Roberts dice "no" al botox
Dopo la scelta di Gwyneth Paltrow, che ha snobbato il botox optando per il veleno d'api, anche un'altra diva del cinema hollywwodiano, Julia Roberts, dice "no" alla chirurgia plastica. Nessun lifting, né artificiale né "organico", per la protagonista di Pretty Woman che vanta una lunga carriera ed è fiera delle sue rughe di espressione. I segni del tempo non la spaventano, anzi la 42enne si dice pronta a invecchiare e in un'intervista a Elle spiega: "Voglio che i miei figli capiscano quando sono arrabbiata, quando sono felice e quando sono confusa. La tua faccia racconta una storia e non dovrebbe essere la storia delle visite da un medico chirurgico. Non ho paura di invecchiare". La Roberts non condivide l'ossessione delle sue colleghe che vogliono rimanere giovani per forza: "È un peccato che viviamo nel panico di invecchiare, questa è una società che ci trasforma e dove le donne non si danno l’opportunità di vedere come saranno da anziane".

L'attrice parla anche dei suoi bambini, i gemelli Hazel Patricia, Phinnaeus "Finn" Walter e il più piccolo, nato 3 anni fa, Henry Daniel Moder, "le mie paure oggi sono più che altro per i miei figli. Quando fai dei bambini e li ami, li vorresti avere intorno per i prossimi 1000 anni".

Religione - Infine una rivelazione che dimostra come la Roberts sia più interessata alla cura dello spirito: "Insieme a mio marito e i miei figli andiamo al tempio a pregare e cantare". Come gli induisti, l'attrice crede nella reincarnazione dell’anima e " la prossima volta vorrei avere una vita più tranquilla di questa!".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sidereus40

    06 Agosto 2010 - 14:02

    Una lezione di vita a tutte quelle imbecilli che continuano a disumanizzare i loro volti ed i loro corpi ottenendo,come unico risultato, di apparire come maschere grottesche che nulla hanno da spartire con la bellezza e la sensualità che molto spesso traspaiono anche da donne avanti negli anni.

    Report

    Rispondi

  • idleproc

    06 Agosto 2010 - 10:10

    Tra tette finte, chiappe tirate sù con gli spaghi, zigomi da mongole, bocche che ti fanno passare la voglia di baciarle, accorciamenti di pelle che quando sorridono per forza di cose scorreggiano, cervelli fusi dalle droghe. Allevano figli come loro. Non possono poi lamentarsi che i maschi non sono più "quelli di una volta".

    Report

    Rispondi

blog