Cerca

La Nannini si dà al Sangiovese

"Ma occhio all'abuso"

La Nannini si dà al Sangiovese
Bello e possibile, coltivar vigneti. La passione per il vino della rocker senese Gianna Nannini è cresciuta al punto da diventare una vera e propria attività: ora è produttrice di vini Igt. In questa veste, Nannini ha debuttato all'università di Siena nell'ambito di Vino e giovani, l'iniziativa rivolta ai giovani tra i 18 e i 30 anni che mira ad un consumo consapevole del vino. La cantante ha presentato i suoi vini, tutti Igt toscani a base di Sangiovese, che nascono nell' azienda di famiglia, la Certosa di Belriguardo. La fattoria è un ex monastero a sette chilometri da Siena. I vini più importanti della Nannini si chiamano «Chiostro di Venere» e «Rosso di clausura», «ma il mio preferito è Baccano, un vino allegro, come le giornate che da bambina passavo tra le vigne». «In giro per il mondo trovo tanta birra e tanti superalcolici. E nonostante i successi dei concerti, per una che l'uva l'ha pestata e che ha dormito dentro le botti, la mancanza del vino è una assenza pesante. Il mio obiettivo? fare un vino che abbia un gusto che lo riporti vicino alla gente».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog