Cerca

Tiziano Ferro: "Sono gay"

Il cantante si racconta in un'intervista che anticipa l'uscita dell'autobiografia

Tiziano Ferro: "Sono gay"
Da lungo tempo nell'ambiente dello spettacolo circolavano voci sulla presunta omosessualità di Tiziano Ferro, ma il cantante di Latina lo aveva sempre legittimamente tenuto per sé. Oggi però, a due settimane dall'uscita dell'autobiografia Tren'anni e una chiacchierata con papà, l'artista si svela in un'intervista a Vanity Fair. "Niente sarà più come prima", dice Ferro, "che cosa succederà dopo?".

"Un paio di anni fa - racconta il cantante - ho iniziato un percorso di analisi. Da tempo non stavo bene, e avevo capito di dover riprendere in mano una serie di cose: dal forzato esilio lontano da amici e famiglia alla relazione col mio lavoro, al rapporto contrastato con l’omosessualità". Ferro aveva anche pensato di rinunciare alla sua passione, al suo lavoro: la musica. Ma è stato il padre a convincerlo che poteva farcela ad andare avanti. "Così, dopo due anni di duro lavoro su me stesso, sono arrivato a una conclusione: volevo vivere meglio". Per questa ragione Ferro ha deciso di rendere pubblico il suo percorso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rosachiquetto

    27 Novembre 2010 - 21:09

    Não importa qual a sua opção sexual, o que conta é sua música, linda, maravilhosa. Sua música é uma poesia que me leva ao infinito. Calcosa di doce, calcosa di raro. Un regalo belissimo, píù grande!

    Report

    Rispondi

  • eddy ciuno

    03 Novembre 2010 - 19:07

    cosa penseranno tutte le fans che ti venivano dietro saranno deluse ...forse già lo sapevano ...io so che canti molto bene e ti invito a fare visita al mio sito myspace nel quale troverai 11 brani creati da me nello style rnb-hiphop fatti coraggio che la vita e una sola e però le fighe sono tante.

    Report

    Rispondi

  • NORAX

    12 Ottobre 2010 - 18:06

    Signor Ferro ha fatto bene ha tirare fuori la carta dell'outing, era un pò che non si sentiva parlare di lei sui media e visto che coinvolgerli con novità artistiche degne di nota era cosa a dir poco ardua, la ritengo una mossa intelligente in un paese pieno di bigotti e comunisti: con i primi si attirerà critiche e insulti, con i secondi può ambire a una candidatura alle prossime elezioni nalla sinistra antagonista, in ogni caso procrastinerà la inesorabile discesa nell'anonimato che è un risultato già rispettabile. W la libertà in tutte le sue forme, anche a fini propagandistici ...

    Report

    Rispondi

  • seth1974

    12 Ottobre 2010 - 17:05

    come da titolo

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog