Cerca

Parodia, Michelle appoggia la Canalis

"La satira è libera e va difesa"

Parodia, Michelle appoggia la Canalis
La satira va difesa. A tutti i costi. La bella show girl Michelle Hunziker, 'vittima' delle imitazioni di Elisabetta Canalis durante il programma "Artù" condotto insiema a Gene Gnocchi, stoppa le polemiche innescate dall'ex senatrice Maria Burani Procaccini che aveva bollato l'imitazione come "sciocca e volgare". "Il messaggio non era bellissimo, ma la satira è comunque libera di esprimersi e va difesa, ha spiegato Michelle.
Nel mirino dell'ex senatrice erano finite un paio di scene della parodia. Nella prima, la Canalis- Hunziker incontrava un mendicante che prima salutava e poi, noncurante, calpestava con il tacco a spillo. La seconda vittima della falsa Hunziker era un anziano cui la showgirl rubava il bastone, facendolo cadere rovinosamente a terra.
Alle polemiche aveva risposto del tutto serenamente la stessa Eli, che, al settimanale Vanity Fair aveva dichiarato di essere lei stessa l'autrice della parodia: "L'ho proposta io agli autori, ma all'inizio mi hanno preso per pazza: nessuno credeva che avrei avuto il coraggio di sbeffeggiare uno dei volti più noti di Mediaset. Allora ho fatto l'imitazione lì, sui due piedi. Hanno chiamato il trucco. Lei però non mi ha telefonato. Quando a Sanremo la Germanile fece l'imitazione al Dopofestival non fu molto felice. Spero che la mia l'abbia trovata più divertente... Ammesso che l'abbia vista".
E la risposta dell'ironica Michelle non si è fatta molto attendere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vidya

    29 Novembre 2008 - 12:12

    Io non ho proprio nulla contro la satira, come non ho proprio nulla contro un caricaturista. Tutto sta nell'intenderci sul termine satira e per questo è sufficiente consultare un vocabolario della lingua italiana come quello che hanno gli studentini. Altro è spacciare per satira l'insulto, la calunnia, la menzogna sfacciata. Vedasi per esempio il meraviglioso duetto Travaglio Luttazzi di qualche anno fa. E c'è qualcuno che ha urlato al sacrilegio, alla fine della libertà di parola, alla fine della democrazia. Meditate gente, meditate.

    Report

    Rispondi

  • ercole.bravi

    27 Novembre 2008 - 12:12

    Al di la dello specifico programma....se si continua a fare la televisione con personaggi come la Canalis, che a parte lo sviluppo di ormoni maschili, non ha ulteriori capacità o talmente brava da indurre in tentazione....noi tutti, che cosa ci può meravigliare ulteriormente? Il livello televisivo saltando dall'isola alla talpa a personaggi che a forza vengono promossi perchè han le gambe lunghe si vestono in maniera provocante alle sei del pomeriggio....è questo bassissimo. Mentalmente sono un futurista del 21esimo secolo, ma televisamente mi ritrovo a fare la raccolta di programmi degli anni sessanta e settanta.....perchè tutto è veramente pietoso.

    Report

    Rispondi

blog