Cerca

Michael Caine: "Ho chiesto ai medici eutanasia per mio padre"

L'attore racconta di aver concordato con un medico l'accelerazione della morte per il papà, malato di tumore

Michael Caine: "Ho chiesto ai medici eutanasia per mio padre"
Una confessione choc per Michael Caine. L'attore inglese, 77 anni, ha raccontato in un'intervista all'emittente radiofonica Classic FM di aver chiesto ai medici di accelerare la morte del padre, malato di tumore al fegato. L'episodio di eutanasia è avvenuto nel 1955 ed è stato tenuto segreto per 55 anni: anche la madre di Caine, morta nel 1989, non ha mai saputo il segreto del figlio.
Il padre dell'attore, all'età di 56 anni, si ammalò di cancro al fegato: Michael non sopportava di vedere il padre in quelle condizioni. "Io ero così angosciato per le sofferenze che doveva sopportare che dissi al medico: 'Non c'è nient'altro che possa fare, dargli un’overdose e porre fine a tutto questo?'. Lui mi  rispose: 'No, non possiamo farlo'". Poi però il medico tornò sui suoi passi: "Mentre me ne stavo andando, mi disse: 'Torni a mezzanotte'. Tornai a mezzanotte e mio padre morì cinque minuti dopo. Dunque, alla fine, il medico l'aveva fatto".
L'intervistatore gli ha quindi chiesto se lui accetterebbe l'eutanasia volontaria nei suoi confronti. Caine ha risposto: "Oh sì, credo di sì. Penso che quando uno si trova in una situazione in cui la vita è insopportabile, se vuoi andartene, è giusto. Non dico che un altro dovrebbe prendere la decisione. Allora decisi io perchè mio padre era ormai in stato di semincoscienza".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bastaaa

    11 Ottobre 2010 - 10:10

    scelta giustissima e da persona civile.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    10 Ottobre 2010 - 14:02

    Solo gli stupidi che non capiscono, o i preti fanatici e prepotenti, possono negare il diritto di libera scelta degli individui nelle proprie questioni personali. Solo queste due deleterie categorie umane possono negare le evidenze di dolore e sofferenze inutili che nessuna stupida religione, e nessuna stupida PRESUNZIONE, possono mai giustificare.

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    10 Ottobre 2010 - 14:02

    la tua decisione dimostra il tuo grande amore verso tuo padre. Se qualcuno ti giudica in modo negativo è solo perchè non sa cosa vuol dire vedere la terribile sofferenza sul volto di un proprio caro malato di cancro. Con i loro occhi chiedono quello che tu hai fatto. La tua è stata una coraggiosa decisione che merita rispetto.

    Report

    Rispondi

  • RUGIA

    09 Ottobre 2010 - 22:10

    CHAPEAU !!! MARINELLA MERONI

    Report

    Rispondi

blog