Cerca

Fazio ospita Sergio Marchionne

Domenica 24 ottobre a 'Che tempo che fa', ci sarà l'amministratore delegato del Gruppo Fiat. La sua prima volta in tv

Fazio ospita Sergio Marchionne
Sergio Marchionne, l'amministratore delegato della Fiat, si farà intervistare da Fabio Fazio nella puntate del 24 ottobre a 'Che tempo che fa'  su RaiTre. Marchionne è a capo del gruppo automobilistico italiano dal 2004 e, dal giugno 2009, è ad anche della americana Chrysler, dopo l'acquisizione del marchio da parte del Lingotto.

È  nato a Chieti nel 1952. Il padre era un maresciallo dei carabinieri di origine abruzzese che si è trasferito a Istria negli anni '30 e lì conobbe la futura moglie. Quando il piccolo Sergio aveva 13 anni, la famiglia si trasferì in Ontario, Canada. Qui si laureò in legge alla Osgoode Hall Law School of York University, con master business administration alla University of Windsor. Ha poi preso una laurea in filosofia all'Università di Toronto.
Dopo una prima attività nel mondo forense, è passato al mondo economico come avvocato commercialista ed esperto fiscale dell'azienda Deloitte Touche. Si è trasferito poi in Svizzera dove è diventato amministratore delegato della Alusuisse Lonza a Zurigo. Dopo un passaggio al gruppo Sgs di Ginevra, è entrato nel consiglio di aministrazione della Fiat nel 2003, su designazione di Umberto Agnelli. A Torino sta vivendo gli anni più duri del gruppo automobilistico, dalla chiusura di Termini Imerese e la riorganizzazione dello stabilimento di Pomigliano.
Con i suoi 4.782.400 euro di stipendio annuo, è considerato il quinto manager italiano più pagato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aifide

    24 Ottobre 2010 - 00:12

    Con lo stipnedio annuo dell'innominato vivrebbero 250 famiglie di lavoratori per un anno! Vergogna!

    Report

    Rispondi

  • aifide

    24 Ottobre 2010 - 00:12

    Che il sinistrorso Fazio inviti l'innominabile filosofo che ha sfasciato Fiat, diritti dei lavoratori e sindacatiè pietoso da una parte e grottesco dall'altra. Chiudete la trasmissione di Fazio sul servizio pubblico. Vada a cercar fortuna alla TV della confindustria. Mi vergogno di essere italiano!

    Report

    Rispondi

  • idleproc

    23 Ottobre 2010 - 13:01

    riusciranno a convincere lavoratori e piccole e medie imprese italiane a lavorare gratis per le multinazionali e la finanza.

    Report

    Rispondi

blog