Cerca

Ciak, si gira la fiction su Meredith

Al via le riprese sul giallo di Perugia: Hayden Panettiere nei panni di Amanda. I legali: "Film inopportuno"

Ciak, si gira la fiction su Meredith
Esattamente negli stessi giorni in cui l'Italia assiste, in diretta tv, al circo mediatico in diretta da Avetrana, un altro giallo sta pian piano diventando fiction. E' il caso di Meredith Kercher, la studentessa inglese uccisa a Perugia la notte del 1° novembre 2007. Le telecamere si sono accese a Poggio Nativo, in provincia di Rieti, dove è già stato battuto il primo ciak: nei panni di Amanda Knox, Raffaele Sollecito e Rudy Guede ci sono rispettivamente Hayden Panettiere, Paolo Romio e Djibril Kebe. Soprattutto la Panettiere, già apprezzata star di "Heroes", grazie anche al trucco acquista una somiglianza impressionante con la studentessa di Chicago.

La fiction andrà in onda sul canale americano Lifetime Tv, anche se gli avvocati dei giovani accusati hanno giudicato "inopportuna" la trasposizione televisiva del giallo. Nella tv statunitense vige però una tradizione in merito: sono decine gli esempi di "docudrama" sui fatti di cronaca, anche più violenti. In Italia è capitato poche volte, ma il successo ha premiato ogni volta la scelta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nonae

    28 Ottobre 2010 - 08:08

    Le giustificazioni, addotte per la realizzazione del film, sono inutili in quanto si pensa soltanto a far "cassetta". Questa è la sola realtà inoppugnabile. Un marciume unico e dilagante come una metastasi. Nessun rispetto né per le vittime morte e vive, né per le altre persone coinvolte. Placido ha dato il via e l'esempio con il film su Vallanzasca ed ora si prosegue su tale scia, SENZA neppur lasciare trascorrere il tempo ragionevole della memoria. E tutto in nome del "DIO DENARO", altro che ideologie fasulle e pretesti vacui. E nessuno si lascia incantare da "ciacole" salottiere, che dovrebbero cozzare contro un'esperienza feroce in prima persona, per far riflettere DAVVERO sul dolore e sull'opportunità di sfruttare le tragedie, a fini di lucro.....

    Report

    Rispondi

  • emilioq

    28 Ottobre 2010 - 07:07

    Mancava proprio un individuo inqualificabile che facesse un film su questa porcata, forse a corto di idee o forse in qualche modo alienato e maniaco di queste situazioni. Ce ne sono tanti di soggetti molto più interessanti che non dare visibilità e ulteriore notorietà a due delinquenti che devono stare in galera fino alla fine dei loro giorni!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    27 Ottobre 2010 - 21:09

    Che dire? Se non che la forza del denaro ha sconfitto quella del destino. E' un nuovo punto di vista che mette la vicenda umana dopo quella del profitto.

    Report

    Rispondi

  • kana_22

    27 Ottobre 2010 - 20:08

    E' orribile. questo film nasce solo per ricavare soldi per dover pagare avvocati. Che schifo!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

blog