Cerca

Maroni da Fazio: "Le mafie si combattono con gli arresti"

La replica a Vieni via con me; "Falsa e offenisva" l'accusa di Saviano. Record di ascolti: 9,7 milioni

Maroni da Fazio: "Le mafie si combattono con gli arresti"
Alle 22 di lunedì sera, dopo una settimana di accuse e incomprensioni, il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, ha chiuso l'affaire "Vieni via con me". Al titolare del Viminale è stato concesso il diritto di replicare alle accuse delle scrittore Roberto Saviano. Così, come Bersani e come Fini, Maroni ha letto l'elenco di quello che ha fatto il governo per combattere le mafie.

IL DISCORSO - "Le mafie", questa la sintesi del discorso di Maroni, "si combattono arrestando i latitanti, sequestrando i patrimoni e contrastando la penetrazione nel tessuto economico".
Il titolare del Viminale, dopo aver snocciolato le cifre-record contro la criminalità organizzata collezionate durante il suo mandato, ha ricordato che "il cerchio attorno ai due superlatitanti Zagaria e Messina Denaro si sta stringendo".

LA REPLICA
- Non è poi mancato un accenno all'accusa di Saviano della scorsa settimana ("la 'ndrangheta interloquisce con la Lega Nord") che Maroni reputa "un'affermazione falsa e offensiva".
"Le operazioni di polizia", ha sottolinato il ministro, "hanno evidenziato il coinvolgimento e l'arresto di esponenti altri partiti politici, ma non della Lega".
La replica di Maroni ha raggiunto quasi 10 milioni di telespettatori, pari al 31,6% di share. Un record assoluto per Rai 3, che deve aver soddisfatto il titolare del Viminale, preoccupato di non poter raggiungere la stessa platea davanti alla quale si era espresso la settimana precedente lo scrittore campano.

INCONTRO CON SAVIANO - Poco prima di leggere l'elenco, il ministro dell'Interno ha incontrato Roberto Saviano nei camerini degli studi Rai di Milano. L'incontro, secondo chi vi ha assistito, è durato pochi minuti in un clima cordiale.

Era stato lo stesso ministro a reclamare uno spazio nel programma di Rai 3 per replicare alle accuse mosse dallo scrittore di Gomorra nella puntata dello scorso lunedì, in cui Saviano aveva affermato che al nord la 'ndrangheta interloquisce con la Lega Nord.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • robtv

    24 Novembre 2010 - 14:02

    Evidentemente non sono stati riportati sul mio primo post due riferimenti: per mezze frasi intendevo "lo dicono le inchieste" e poi mi riferivo al concetto ribadito in più occasioni da Saviano "le università del nord si mantengono grazie agli iscritti meridionali".

    Report

    Rispondi

  • blues188

    24 Novembre 2010 - 11:11

    Ma cosa dice? A Napoli i materassi e le lavatrici, insieme ai rottami, auto sono solo simpaticissime esternazioni locali pieni di vita solare, gioia di vivere e di generosità partenopea. Volendole condividere con tutti, le lasciano in mostra a consolazione perenne dei visitatori della città e dei concittadini. Vanno capiti! L'unico che non lo sa fare è Saviano

    Report

    Rispondi

  • blues188

    24 Novembre 2010 - 11:11

    Non è vero quello che dice Maroni! Guardiamo Saviano che non ha mai ricavato nulla dal suo libro copiato da altri. Ed ora mi ci metto anch'io e scrivo 'abbasso la mafia'. Ecco, ora la mafia è battuta!! Ora voglio la scorta e un premio sostanzioso. E una trasmissione tutta per me, che sono un eroe per aver scritto quella frase.

    Report

    Rispondi

  • just69

    24 Novembre 2010 - 01:01

    il numero dei mafiosi arrestati credo abbia raggiunto quota 6750 (negli ultimi due anni) e 414 o giù di lì i latitanti catturati (negli ultimi due anni)...purtroppo in questa settimana siamo rimasti fermi a 28 dei primi 30 latitanti più pericolosi catturati (negli ultimi due anni)...ahiahiahi...qui si batte la fiacca...ragazzi, fate presto, sennò Saviano mette su un altro ammorbante monologo sulle interlocuzioni delle mafie con chissà chi...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog