Cerca

Addio Leslie Nielsen, l'attore più pazzo del mondo

Scomparso a 84 anni l'interprete di capolavori demenziali come "L'aereo più pazzo del mondo" e "Una pallottola spuntata" / GUARDA IL VIDEO

Addio Leslie Nielsen, l'attore più pazzo del mondo
Faccia imperturbabile, capello bianco perfettamente lisciato, sguardo fulminante e lingua sciolta. In quasi 50 anni di carriera a Hollywood, Leslie Nielsen non è praticamente mai cambiato. Forse è per questo che ora che l'attore di origine canadese è scomparso a 84 anni dopo una violenta polmonite gli appassionati di cinema ne sentono così tanto la mancanza.
Dopo una gavetta fatta di tanta tv e ruoli secondari, Nielsen (nato da genitori gallesi e danesi) è diventato una star grazie a due ruoli indimenticabili in altrettanti film-capolavoro del genere comico demenziale. Il primo fu quello del dottor Rumack in "L'aereo più pazzo del mondo" (1980), parodia dei popolari disaster movie del decennio precedente. Il secondo, da protagonista assoluto, fu quello che lo ha reso il mito di almeno un paio di generazioni: Frank Drebin, il poliziotto pasticcione e imbranato della trilogia "A naked gun", in Italia celebre come "Una pallottola spuntata" (il primo capitolo, il migliore, risale al 1988).



Da lì, è stato un finale in crescendo per popolarità più che per qualità ("Riposseduta", "Spqr" del nostro Carlo Vanzina, "Dracula: morto e contento", "Mr. Magoo", "Scary Movie 3 e 4"). Il meglio lo ha dato in tandem con David Zucker, regista e produttore simbolo della Hollywood "da ridere". Insieme a lui, difficilmente Leslie Nielsen ha pronunciato una battuta spuntata.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fdrebin

    30 Novembre 2010 - 01:01

    della squadra di polizia. Ciao Leslie. Grazie per l'allegria che ci hai trasmesso

    Report

    Rispondi

  • just69

    29 Novembre 2010 - 17:05

    sarebbe gradito un pò di rispetto almeno per i defunti!!! Leslie Nielsen mancherà a molte persone nel mondo perchè ogni tanto c'è bisogno di un pò di serenità e di spensieratezza nella vita. Bisogna esser persone serie (ed anch'egli senza dubbio lo era), ma non seriose...sennò sai che noia!?

    Report

    Rispondi

  • petergreci

    29 Novembre 2010 - 15:03

    Peccato Nielsen, non hai fatto in tempo...

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    29 Novembre 2010 - 12:12

    La sua interpretazione del rincoglionito totale che non sa di esserlo è inimitabile. Il cinema ha perso un grande interprete.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog