Cerca

"Il gay guarito", è già polemica

sul Sanremo di Povia

"Il gay guarito", è già polemica

Il Festival di San Remo non è ancora cominciato che già si alzano venti di polemiche e minacce di stop. A partire all’attacco quest’oggi è l’Arcigay se la Rai non chiarirà la propria posizione riguardo il brano del cantante Povia “Luca era gay”. Per l’associazione sarebbe infatti omofoba.
Povia e omosessualità: un binomio che dura da tempo. Lo ricorda la stessa Arcigay nella nota di protesta fatta uscire quest’oggi: “Ricordiamo molto bene come Povia non sia del tutto nuovo a nette prese di posizioni pubbliche su questioni del mondo Lgbt. Ormai celebre è rimasta una sua intervista a Panorama in cui dichiarava: "Gay non si nasce. Lo si diventa in base a chi frequenti. Anche io ho avuto una fase gay: è durata sette mesi, poi l’ho superata. E ho anche convertito due miei amici che credevano di essere gay e invece adesso sono sposati". "Ora da più parti - spiegano dall’Arcigay - arriva la segnalazione di una curiosa coincidenza: che il Luca della canzone con cui Povia tornerà nella città dei fiori sia proprio quel Luca Tolve che dichiara di esser un ex gay, guarito grazie alle teorie riparative di Joseph Nicolosi, cattolico integralista americano, le cui tesi sono state ampiamente confutate dalla comunità scientifica mondiale”.
Pronta la replica dell’ufficio stampa del cantante: non c’entra affatto la storia di Luca Tolve, anche perché “il testo della canzone non è ancora stato diffuso e per questo motivo non capiamo da dove nasca questa polemica”. Ma i gay d’Italia non si accontentano: “Se Bonolis e il suo direttore musicale - continua la nota - intendono mandare in scena uno spottone clerical reazionario contro la dignità delle persone omosessuali, sappiano fin d’ora, che la nostra reazione sarà durissima, rumorosa ed organizzata. Siamo i primi a combattere per il diritto alla libera espressione, ma altra cosa è avvallare posizioni omofobe, che tra l’altro alimentano odio e pregiudizio nei confronti delle persone gay e lesbiche”. Il passaparola tra Facebook e la rete internet è già partito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roaldr

    26 Dicembre 2008 - 15:03

    art.2:i maschi che vanno con le donne sono obbligati alla riservatezza, ed a non ostentare i loro gusti "etero". art.3:le piazze, gli studi teatrali, televisivi nonchè l'attenzione della stampa, devono essere riservati esclusivamente alla celebrazione della normalità gay, ......continua

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    25 Dicembre 2008 - 19:07

    Spovia se fosse un artista serio canterebbe che Luca fece confiscare la pensioncina, conto corrente bancario, carte di credito e bancomat a suo padre vecchio, malato che deve vivere con mutuo da pagare? Mezze verità? Lui grazie alle teorie riparative di Joseph Nicolosi guarito o ai preti e preghiere, ma gli ha mai detto cosa sono i dieci comandamenti? Io conosco suo padre e so che tempo se la passa male e lui fa soldi in cavolate simile?

    Report

    Rispondi

  • theing

    25 Dicembre 2008 - 19:07

    Art.1: Tutti hanno diritto a pensarla come gli pare. Purché la pensino come noi, sennò sono fascisti e omofobi.

    Report

    Rispondi

  • alessioPC

    25 Dicembre 2008 - 19:07

    sono stato rapito dai marziani. adesso passiamo a cose serie?

    Report

    Rispondi

blog