Cerca

Masi telefona a 'Annozero': "Mi dissocio"

Il dg Rai telefona in diretta: "Violato codice di comportamento su vicende giudiziarie". Santoro: "Se ritira se stesso, mi pare buono"

Masi telefona a 'Annozero': "Mi dissocio"
Il tribuno Michele Santoro aveva cominciato il consueto processo mediatico ad Annozero, sugli schermi di Rai2. Nell'introduzione alla monotematica trasmissione i soliti stralci delle intercettazioni sulle feste ad Arcore. Il direttore generale della Rai Mauro Masi, però, non ha più potuto tollerare lo spettacolo, ed ha telefonato in diretta per dissociarsi dall'impostazione ideologica della puntata: ne è scaturito un vero e proprio scontro verbale.

"MI DISSOCIO" - Per Masi, Annozero sfascia tutte le regole del codice di autoregolamentazione sulla rappresentazione in tv delle vicende giudiziarie (e la critica non è nuova). "Mi debbo dissociare e si dissocia l'azienda, nella maniera più chiara, dal tipo di trasmissione che sta impostando, che è come quella impostata la settimana scorsa perché ad avviso mio e dei miei legali viola il codice di autoregoalamentazione sulla trasmissione delle vicende giudiziarie" in tv.

LA TELEFONATA - "Non sono mai intervenuto direttamente", ha esordito Masi al telefono rivolgendosi a Santoro, "anche quando mi ha citato in diretta. Ma stavolta faccio un'eccezione. A tutela dell'azienda di cui sono direttore generale e che è anche la sua azienda, mi debbo dissociare nella maniera più chiara dal tipo di trasmissione che lei sta impostando, ad avviso mio e dei nostri legali in base al codice di autoregolamentazione sulla rappresentazione dei processi in tv, tema sollevato non più tardi di venerdì scorso anche dal presidente della Repubblica Napolitano".

DELIRIO DI ONNIPOTENZA - Santoro aveva cominciato la guerra di posizione proprio in apertura di puntata, prendendo le distanze dalla circolare firmata dal suo direttore generale sulla necessità di una partecipazione paritetica del pubblico rispetto alle posizioni degli ospiti. Il conduttore ha dunque provocato Masi chiedendo se a suo avviso la trasmissione violasse le regole e se volesse chiuderla. "Le sto dicendo che ritiro me stesso e l'azienda del tipo di trasmissione che sta facendo", la risposta del dg. A questo punto Santoro, in pieno delirio di onnipotenza, perde la testa: "Se ritira se stesso, mi pare anche buono". Quindi la controreplica: "Ho sempre garantito che la trasmissione andasse in onda. Ma non sono io che debbo stabilire se le regole vengono violate o no", ha ribadito Masi, prima che Santoro chiudesse bruscamente la conversazione con un secco "buonanotte".

MASI: "NON POTEVO FARE ALTRIMENTI" - Dopo l'intervento telefonico, Masi ha commentato così: "Non potevo fare altrimenti perché avevo il dovere di difendere l’Azienda dalle possibili conseguenze derivanti dalla violazione di quanto previsto dal Codice di autoregolamentazione. Negli ultimi mesi, e soprattutto negli ultimi giorni, ho più volte richiamato i responsabili editoriali al rigoroso rispetto di queste norme, peraltro richiamate   qualche giorno fa dallo stesso Presidente della Repubblica". Per il direttore generale  "ancora stasera, dopo aver preso visione della scaletta della   trasmissione, avevo ribadito per iscritto al conduttore di Annozero la preoccupazione per un taglio del programma che metteva al rischio l'Azienda da nuove sanzioni, anche economiche. E’ arrivato il momento in cui ognuno deve assumersi le proprie responsabilità ed io mi sono   assunto le mie, ripeto, a tutela dell’Azienda e dei cittadini telespettatori".

CAPEZZONE: "NON E' IL PADRONE DELLA RAI" - Partenza col botto, insomma, per l'ultima puntata di Annozero. Già dopo i primi minuti sono arrivate le reazioni politiche. Netto il parere del portavoce del Pdl, Daniele Capezzone: "Forse Santoro l’ha dimenticato ma lui non è il padrone della Rai, ma qualcuno a cui il principesco stipendio è pagato con i soldi dei cittadini. Il modo in cui si è rivolto al direttore generale Masi e al pubblico fa pensare a una nuova Piazza Venezia. Negli anni Trenta c'era la radio, ora il balcone è televisivo. Stasera Annozero sta superando ogni limite".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • danigiuggiola

    23 Aprile 2011 - 22:10

    Masi come direttore generale ha il diritto di sospendere la trasmissione e Santoro deve ubbidire perché' e' un sottoposto e la responsabilità' e' di Masi e' messo li per quello e se lui ,come tutti noi pensiamo, ritiene che quella trasmissione sta violando il codice la deve sospendere.

    Report

    Rispondi

  • paologallibn

    01 Febbraio 2011 - 16:04

    Di scale gerarchiche in televisione ci capisco poco ma,credo,che in ogni società lavorativa ad ogni incarico corrispondano funzioni ben precise : il direttore fà il direttore,il commerciale fà il commerciale,l'impiegato fà l'impiegato,il rappresentante fà il rappresentante. Se qualcuno non rispetta i patti,i contratti od il suo operato non soddisfa,và le valigie e và a casa . Ora chiedo,se Masi è direttore generale e Santoro un conduttore,Masi non è contento del programma,interviene ed in diretta chiude la trasmissione e mette in onda un bel film di Peter Pan,invece di star al telefono con un semplice sottoposto che ha l'arroganza del classico complessato.

    Report

    Rispondi

  • pantera.rosa

    28 Gennaio 2011 - 19:07

    Ieri,ad annozero,avete notato il viso paonazzo della Rosibindi.? Belpietro le ha lanciato l'amo dicendo: Per porre fine ai malumori sinistri,la sinistra si deve ritirare e così anche la destra è costretta a dimissioni..E' rimasta spiazzata e per un attimo sconcertata. Io la comprendo pienamente,,non poteva che reagire così. L'aspirazione dell'attuale opposizione non è certo quella di andare al potere in modo legale,ma quello di arraffare il potere sovvertendo il voto degli italiani con un aiutino di certi giudici.,perchè sono certi che con elezioni non vincerebbero mai. A meno che ....Abracadabra ..non riescano a fare i giochi di prestigio come hanno fatto con le primarie a Napoli. Il fanciullino che è in loro è sempre pronto a giocherellare ma... attenzione ai giochi pericolosi.

    Report

    Rispondi

  • Luciano Gottardo

    28 Gennaio 2011 - 16:04

    Una domana. Al di là delle fazioni l'uno, l'altro il Masi esecutore di una delle due fazioni. Se Masi fosse....... ci sembra che qualche tempo fa il Masi comunicò dei provvedimenti verso il Santoro. Poi di fatto non gli furono fatti applicare. In questi casi un Masi, non applicando o non potendo applicare il provvedimento annunciato forse intempestivamente, se fosse una persona seria, come lo è avrebbe dovuto dimettersi. Perchè e quanto pur se nulla camberebbei poichè sarebbe stato sostituito con un altro esecutore?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog