Cerca

Sky va a caccia

Preso Fiorello

Sky va a caccia
Altro che lontano dal piccolo schermo: Fiorello sarebbe in procinto di tornare in video. Non sulla Rai, però, dove sembrava essersi ormai “accasato” - tra radio e tv - otto anni fa. E nemmeno sulle reti Mediaset, che furono il suo trampolino di lancio ai tempi del “Karaoke”, all’inizio degli anni Novanta. Stando alle indiscrezioni riportate da Dagospia, lo showman di Augusta starebbe per sbarcare nientemeno che su Sky, non con un’ospitata sulla falsariga di quella che fece nel marzo dello scorso anno in occasione degli “Sky Tv Awards”, quando diede spettacolo con il fido Marco Baldini durante la consegna del premio assegnato alla loro trasmissione “Viva Radio2 Stasera in tv”, ma con un programma tutto suo, un progetto articolato che quelli di Sky, sempre a detta del popolare sito di Roberto D’Agostino, definirebbero "strutturato e continuativo", non limitato a qualche puntata ma "duraturo negli anni".
 Una cosa seria, insomma. E se fonti vicine a Fiore negano che la trattativa sia ormai agli sgoccioli, e che i termini dell’accordo possano definirsi in appena 7 giorni come afferma Dagospia, non possono fare a meno di parlare di «interesse reciproco», confermando che ci sia da tempo un «dialogo in atto» con Sky per trovare una trasmissione adatta a Rosario, al quale «intriga l’idea di fare qualcosa di diverso»: qualcosa che sia naturalmente differente da quanto fatto in passato - impensabile una versione “satellitare” di “Viva Radio 2” o di “Stasera pago io” - e che si adatti però alle sue innegabili doti di mattatore. Di certo si tratterà di un varietà...

Donatella Aragozzini
su Libero di martedì

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ghorio

    20 Gennaio 2009 - 17:05

    Sinceramente non capisco l'enfasi della stampa italica sul possibile passaggio di Fiorello a Sky. Dopo l' Kakà, che ha occupato le prime pagine dei giornali, arriva appunto Fiorello, che viene fatto passare per il più grande uomo di spettacolo esistente attualmente in Italia. More solito, l'esagerazione impera, considerato che i critici televisivi sono attratti solo ed esclusivamente dai dati, fasulli, sugli indici d'ascolto. Per quanto mi riguarda, la cosa mi lascia indefferente e spero che i critici inizino a alle programmazioni di Sky, i cui cui programmi, vedi i film, sono ripetitivi oltre misura. Giovanni Attinà

    Report

    Rispondi

blog