Cerca

La par condicio Rai passa dall'Ariston. Luca e Paolo sono meglio di Benigni

Contraddittorio 'obbligato', le 'Iene' prendono di mira Santoro &Co. Ma occhio ai rischi... / BORGONOVO

La par condicio Rai passa dall'Ariston. Luca e Paolo sono meglio di Benigni
Il centrodestra, da qualche tempo, ha sviluppato una strana ossessione: quella per il contraddittorio forzato. Ieri il direttore di RaiUno Mauro Mazza ha bacchettato Luca e Paolo, le iene che nella serata inaugurale del festival di Sanremo hanno modificato il brano di Gianni Morandi 'In amore' per ricavarne la canzoncina satirica 'Ti sputtanerò'. Al centro della quale c’erano come prevedibile le vicende del caso Ruby. Durante l’esecuzione, dietro le spalle del duo si stagliavano le foto di  Fini e  Berlusconi.  Mazza ha fatto sapere che gli sarebbe piaciuto «vedere  instant song che riguardino altre espressioni della politica italiana», anche perché «guance da graffiare ce ne sono molte in giro». Ancora più duro il consigliere d’amministrazione di Viale Mazzini Antonio Verro: «Non ho gradito l’umorismo abbastanza dozzinale di Luca e Paolo». È finita che la coppia ienesca, ieri sera, si è lanciata in un giro di prese per i fondelli a 360 gradi. Esilarante la caricatura delle “pause di riflessione” del santone Saviano; inauditi  gli sberleffi a Santoro («dice che lo fanno chiudere, ma è sempre lì») e a Montezemolo («scende in politica o no?»);  piacevoli le battute su Fini che ha «perso la testa per una donna». Ne avevano pure, con garbo,  per il Papa. Bene, bravi, bis. Si rideva, ma con una sensazione in sottofondo: che fosse una satira teleguidata, a gettone. Un inchino raffinato dopo le lamentazioni di Mazza. Tutta la scena aveva il sapore,  non del tutto gradevole, della forzatura.    
Gli inviti al contraddittorio  sono stati  garbati. Ma si inseriscono in una tendenza rischiosa, di cui fa parte anche la bozza che Alessio Butti del PdL ha presentato la scorsa settimana in Commissione di vigilanza Rai (fortunamente ammorbidita un po’ ieri). Vi si potevano leggere passaggi come questo: «Laddove il format della trasmissione preveda l’intervento di un opinionista a sostegno di una tesi, è indispensabile garantire uno spazio adeguato anche ad altre sensibilità culturali». Il riferimento indiretto era ad Annozero e ai monologhi  di Marco Travaglio.
Che nella tv pubblica ci sia un problema di squilibrio a sfavore del PdL è indubbio. Gli assalti anche violenti a mezzo video di cui è vittima Berlusconi nessuno li subisce e Libero è il primo a denunciarli.  Però, cari amici di centrodestra, andiamoci piano. Intanto, facciamo le debite distinzioni. Luca e Paolo non sono Santoro. La loro canzone è stata un lampo di divertimento in una serata altrimenti un po’ spenta. Certo, ha preso di mira soprattutto il Cavaliere, ma ha anche rappresentato il primo   caso di satira  all’indirizzo di Fini. Si è riso di Ilda Boccassini, pure. E poi, scusate, ma il direttore di RaiUno  non è lo stesso che si è detto felice di avere sul palco dell’Ariston Roberto Benigni, il quale pare guadagni 200mila euro per trenta minuti?   Se teme la mancanza di contraddittorio perché ha invitato uno che, all’ultima apparizione in Rai, ha berciato per un’ora contro Silvio?  Inoltre, Benigni non fa più ridere da tempo, mentre Luca e Paolo sono assai divertenti.
Non si possono riempire i palinsesti e i programmi di personaggi  schierati e poi lamentarsi della loro faziosità, cercando di mettere toppe come “il contraddittorio”. Lo ha detto lo stesso Mazza: «Con Luca e Paolo sapevamo chi ci mettevamo in casa». Speriamo lo sappiano anche per Benigni.  Stesso discorso  per Santoro. Michele militava anche quand’era un dipendente di Berlusconi, come lo sono oggi le due iene. Le quali, dietro lauto stipendio, ne dicono di ogni sul loro datore di lavoro proprio sulle reti Mediaset, senza che nessuno batta ciglio. 
O questi personaggi si cancellano dal video - e non sarebbe un gesto molto liberale - oppure non si può ingaggiarli e pagarli profumatamente per poi tentare di limitarli alla meno peggio. Permetteteci l’eresia: ma esiste un diritto alla faziosità. Annozero fa ascolti perché è fazioso, Luca e Paolo fanno ridere per la medesima ragione. Ci penseranno i giornali, eventualmente, a farli a pezzi. Piuttosto che invocare ogni volta la par condicio anche fuori dal periodo elettorale, non sarebbe meglio variare l’offerta? Perché  chiamare le  iene se poi bisogna tagliar loro le unghie? Perché foraggiare i faziosi per poi  chiedere che il pubblico non batta le mani quando linciano qualcuno?  Il contraddittorio è legittimo e va garantito, però non si ottiene solo con la proibizione e l’avvertimento, ma anche con la proposta di segno contrario. Altrimenti, a furia di “invitare”, “auspicare” eccetera si finisce a “censurare”. Con un duplice effetto negativo: si trasformano dei furboni in martiri e si fa la figura degli illiberali. E noi crediamo che di martiri veri in giro ce ne siano ben  pochi, e che gli illiberali - per natura - non debbano stare nel centrodestra. Pena, come cantavano Cochi e Renato, «lo sputtanamento». Senza risate, però.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • calzolari.rosa

    18 Febbraio 2011 - 10:10

    Condivido tutti i commenti fatti. dei 21 evidenziati,ma il n° 14 e n° 20 sono i più giusti e azzeccati. Grazie per l'opportunità di espressione. Rosa.

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    17 Febbraio 2011 - 23:11

    Luca e Paolo sono più divertenti di Benigni e...costano meno. La Rai poteva risparmiarseli i soldi dati a Benigni che si diverte (da solo) a fare il professore per insegnare le sue...cavolate

    Report

    Rispondi

  • beylerbey

    17 Febbraio 2011 - 17:05

    perché altrimenti il festival sarebbe di una pena unica!! Non so qual'è il loro compenso ma, rispetto ai 600.000 euro di Morandi od ai 150,000 euro di Belen e della Canalis, almeno questi due riescono a strappare un sorriso bi-partisan. E poi non sono così finti come altri presunti intrattenitori del piccolo schermo. Complimenti alle IENE, ma si poteva immaginare, visti i soggetti arcinoti. Cordialmente.

    Report

    Rispondi

  • sgrunc

    17 Febbraio 2011 - 15:03

    Concordo, molto meglio dei soliti "ironisti" per caso. Sottili, ironici ma anche diretti e veritieri. Hanno però dimenticato il Bocchino, ragazzi vederlo in giro per tutte le trasmissioni ècome un tronista sfigato è commovente, un poveretto raccomandato e frustrato. Ora poi, fa finta di usare anche l'iPad, ma cosa scrive a DUE DITa ogni volta?????? Forza Presidente, ancora poche settimane e tutto sarà finito. I PM comprati toglieranno le tende, e tutto andrà avant icol vento in poppa. Silvio Berlusconi forever!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog