Cerca

Il Festival di Bonolis

tra Mina e la Baschetti

Il Festival di Bonolis
Sarà la bella top model Chiara Baschetti ad affiancare Paolo Bonolis e Luca Laurenti nella prossima avventura sanremese. Accanto al popolare presentatore ci saranno anche cinque uomini (tra cui spicca David Gandi, il bel modello di Dolce & Gabbana), che si alterneranno di sera in sera. Lo ha ha annunciato lo stesso direttore artistico e conduttore del Festival di Sanremo. "La Boschetti ha 21 anni", ha raccontato Bonolis, "viaggia molto, si occupa di moda, è molto, molto raffinata".
Tra le novità della kermesse canora, in programma dal 17 al 21 febbraio, anche Mina, che aprirà ufficialmente la 59/ma edizione del Festival e lo farà attraverso un tributo filmato: "Siamo riusciti la prima sera ad avere il grande onore di avere Mina ad aprire il Festival. È un segnale forte che la musica italiana vuole dare a questo palcoscenico e si tratterrà - ha spiegato Bonolis- di un intervento in video della più grande artista vivente nel campo della musica e del pensiero. Mina ha deciso di aiutare questo Festival con la sua voce e con un progetto artistico a cui sta lavorando per celebrare la musica italiana". Fra gli ospiti annunciati Giorgio Panariello, Annie Lennox, Gim Carrey, alcune conigliette di Play Boy accompagnate dal fondatore della rivista Hugh Hefner e Maria de Filippi, per la serata finale.
In diretta su Raiuno e in Eurovisione, in gara si confronteranno 16 artisti e 10 proposte 2009, mentre nel frattempo è già in corso una gara parallela on line tra giovani emergenti che Bonolis spera di potere ospitare durante le serate del Festival. Torna l'eliminazione nella categoria artisti e nel corso della terza serata verranno riascoltati i 6 brani dei cantanti non ammessi dalla giuria demoscopica nelle due serate precedenti e attraverso il sistema del televoto le due canzoni più votate saranno riammesse in gara. I brani della categoria nuove proposte saranno anticipati su Rai Radio2 una settimana prima dell'inizio del Festival per permettere al pubblico di conoscere in anteprima le canzoni e giudicare al meglio gli artisti in gara. Per la prima volta una giuria demoscopica di 300 persone sarà presente al Teatro Ariston e potrà esprimere nella prima e nella seconda serata la propria preferenza, mentre una giuria di qualità, composta dai professori dell'orchestra del Festival, sarà chiamata ad esprimere una preferenza decisiva sull'eliminazione dalla gara di due artisti nel corso della quarta serata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • VincenzoAliasIlContadino

    27 Gennaio 2009 - 12:12

    Brava e bella, ma poco riconoscente! A pensare che per lei, ero sempre presente in sala d incisione per portarle spremute a base di limoni e pompelmi, visto che anche alle tre di notte incideva, casa, ufficio ed una volta dovevo persino accompagnarla a Cremona con la sua Rolly Royce, poi il principale Giovanni Battista Ansoldi, l ordinò al suo autista Roberto, una persona bravissima. Io non la ascolto più, non la rivedrò come non più compro suoi cd! Mi chiedo visto la sua bravura non doveva isolarsi ed ignorare i suoi fans che a volte si sono dovute vendere un bene per andarla a vedere o disposti a sposarla e regalargli immobili e nobiltà di richieste ogni giorno n arrivavano a sacchi con la famosa scritta Poste Italiane. Un aneddoto ignoto a media, al mio amico Salvatore Siciliano un mio collega impiegato alla sua casa discografica nel momento in cui asportavo il disco dalla pressa il 45 giri di Sono come tu mi vuoi ci rimise una mano e l accordo era di fargli una serata a favore dell impiegato, ma Salvatore non ebbe nemmeno una lira da questi vip nonché supermiliardari! Ciò non toglie l amore e l affetto dal mondo per una voce così potente dal vivo in sala di incisione soprattutto al lavoro di MINA STEREO UNO faceva rabbrividire e rizzare la pelle ricordo ancora gli occhi e la soddisfazione di Rita Pavone, Teddy Reno, nonché i Maestri Augusto Martelli e Carlo Alberto Rossi e G.B.Martelli, senza parlare del Maestro Pocho Gatti e altri componenti Maestri musicisti in sala. Purtroppo, lasciai migliaia dischi in eredità al figlio, ma il buontempone li ha distrutti, ora avrebbe una fortuna, poiché provini acetati! vincenzoaliasilcontadinoatgmail.com Matera

    Report

    Rispondi

blog