Cerca

Masi vs Santoro: "Porto Annozero in Cassazione"

Il dg Rai: "Con Michele contrasti trasparenti". Poi la stoccata: "La sua presenza in tv verrà discussa di fronte alla suprema Corte"

Masi vs Santoro: "Porto Annozero in Cassazione"
Contrasti "forti ma sempre trasparenti" con Michele Santoro, la cui presenza in video "sarà presto ridiscussa davanti alla Corte di Cassazione". Il direttore generale della Rai, Mauro Masi, non usa mezzi termini per parlare del suo rapporto con il tribuno di Annozero.
Con riferimento ad alcune indiscrezioni apparse oggi su un articolo de Il Fatto Quotidiano, Masi, ha precisato  che "la vicenda in cui Michele Santoro ha mandato 'affambicchiere' il proprio capo azienda in diretta televisiva è notissima a milioni di italiani e la   posizione del Direttore generale è altrettanto nota, avendo all'epoca rappresentato a centinaia di persone in privato ed in pubblico il   proprio totale disappunto sia per l’insulto che riteneva di aver subito sia per la governance aziendale che rendeva molto difficile   applicare la sanzione del licenziamento del dipendente valutata dal direttore generale adeguata all’accaduto".

SANTORO OSTINATO - "Al riguardo", ha proseguito Masi "è peraltro molto importante sottolineare che la vicenda è ancora aperta proprio a seguito della decisione del direttore generale di non accettare l’arbitrato proposto dalla difesa di Santoro e di adire invece il giudice ordinario dove l'intera questione potrà essere chiarita nella maniera più compiuta e più puntuale. Così come la vicenda principale della presenza di Santoro in video per effetto di provvedimenti giudiziari, che, su recente istanza della Rai, sarà a breve e finalmente ridiscussa  davanti alla Suprema Corte di Cassazione", conclude il dg Rai.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • miticonevada

    06 Luglio 2011 - 18:06

    Se ogni puntata aveva mediamente 6/7 milioni di ascoltatori...bè su 26 milioni di abbonati mi sembrano ben poca cosa....tutti a spada levata per salvare il Padrino Santoro...perchè non si fanno un pò di conti questi sfigati...se lavorano 40 anni avranno una liquidazione pari ad uno stipendio annuale circa per gli anni lavorati.+/- 35.40,ooo €...il caro " paladino " della sinistra con uno stipendio pari a circa 450.000€ annui , calcolando tre mesi lavorativi per stagione ha una liquidazione su due anni pari a 2.500,000 €...non mi sembra tanto equilibrato il conteggio...forse ho sbagliato mestiere...

    Report

    Rispondi

  • ninomastro

    23 Aprile 2011 - 17:05

    Mi sbaglio o pochi giorni or sono la Cassazione ha deliberato che il "vaffanc" non è più un'ingiuria ma solo un'esclamazione familiare anche se un pò pesante? Se è così vaffanbicchiere è quasi un complimento!

    Report

    Rispondi

  • montecatria

    09 Aprile 2011 - 19:07

    per la RAI la rinuncia a Santoro sarebbe masochismo:chi apporterebbe altrettanto cospicui proventi pubblicitari? Poichè la TV è un complesso di affari, prima di rinunciare ad una tal voce d'entrate bene farebbe Masi a rflettere.

    Report

    Rispondi

  • woody54

    07 Marzo 2011 - 12:12

    Certo che ne hai di coraggio! Dai dell'ignorante agli altri e non conosci nemmeno la grammatica!!! Salame!! E poi mi pare strano che una persona così altolocata e ricca passi le domeniche davanti al PC... non è che sei un gran cantaballe?? Sei solo un povero sfigato...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog