Cerca

Arcigay: Bolle è omosex

Il ballerino: "Non è vero"

Arcigay: Bolle è omosex
"Non sono gay". Si rincorrono sui siti internet le smentite e il presunto outing fatto dal'étoile della Scala Roberto Bolle alla rivista francese 'Numero Homme' (autunno-inverno 2008) circa la sua omosessualità. A dare notizia della rivelazione di Bolle è Arcigay, che riporta quanto pubblicato sul web: secondo Arcigay Bolle avrebbe ammesso la sua omosessualità, sottolineando però che "in Italia il potere della chiesa cattolica è tale e talmente pervasivo da costringere alla discrezione".
E proprio a proposito della "riservateza necessaria per via della Chiesa", il presidente di Arcigay Aurelio Mancuso sottolinea: "Bolle ha ragione a denunciare il potere conservatore della chiesa cattolica, ma proprio per questo è necessario venire alla luce e far conoscere le nostre storie anche in Italia». Secondo Mancuso il ballerino «può essere un esempio per tutti i ragazzi e le ragazze omosessuali che cercano modelli di riferimento» e «tutti i personaggi popolari che vivono ancora nell'ombra i loro affetti dovrebbero fare lo stesso".
Ma la smentita delll'étoile è stata immediata: "Sono molto dispiaciuto di tutta la bagarre che è nata da un'intervista che ho rilasciato alla rivista francese 'Numero' lo scorso autunno. In realtà la mia dichiarazione riguardo l'argomento della omosessualità è stata completamente travisata e decontestualizzata, a causa probabilmente anche della mia non perfetta padronanza della lingua francese. Non ho mai parlato della mia sfera privata e non intendo iniziare ora, per cui la notizia del mio presunto 'outing' non corrisponde a verità".
Arcigay aveva svelato alcuni particolari dell'intervista. Ad esempio il giornalista francese che l'ha intervistato gli avrebbe chiesto se come Nureyev Roberto nutrisse la passione per cose particolari nella sfera sessuale. La risposta netta sarebbe stata: "Nessuna". A conclusione del colloquio il reporter transalpino, scherzando, gli ha chiesto se voleva fidanzarsi con lui: "No grazie, ci siamo appena conosciuti", è stata la risposta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ercole.bravi

    29 Gennaio 2009 - 11:11

    Ormai, non ti giri che trovi uno che fa "outing", vai dal macellaio e trovi un gay che lo fa sapere urbi et orbi, cosi in tv e dove sia possibile. Ma un minimo di discrezione, per esprimere le prorpie scelte non sarebbe meglio? Ne conosco diversi con alcuni mi trovo bene, con altri sembra di parlare con una donna esasperata all'ennesima potenza. Sembra la scena del film in e out, nel quale l'attrice esce dal bar e grida "ma sono tutti gay?" Cerchiamo di non entrare in contrasto con questa nuova moda, abbiamo problemi ben più grandi che non scoprire se Bolle, grandioso nel suo lavoro e nella sua immensa bravura, sia gay o meno. Che poi l'arcigay o chi per loro, vorranno far diventare gay qualche altro personaggio politico d'arte o chi vogliono loro (a sentirli, lo siamo tutti, ma ancora non lo sappiamo), si tranquillizzino e cerchino di vivere pacatamente, magari sforzandosi, come le persone "normali".

    Report

    Rispondi

blog