Cerca

Marina contro Saviano: "Paura? Ma di che cosa?"

La replica dell'ex editore dopo le accuse lanciate da Fazio: "Roberto mi sembra provocatorio e strumentale"

Marina contro Saviano: "Paura? Ma di che cosa?"
Si alza il livello dello scontro tra Marina Berlusconi e lo scrittore Roberto Saviano, che è toranato a pungere e criticare la figlia del premier nella puntata di domenica sera di Che tempo che fa, il programma condotto da Fabio Fazio con cui l'autore di Gomorra si spese nella trasmissione Vieni via con me. La presidente di Mondadori rilancia: "Non ho e non ho mai avuto paura di esprimere le mie opinioni, anche estremamente critiche", ha spiegato rispondendo alle dichiarazioni di Saviano. Una polemica, quella tra lo scrittore campano e quella che è ormai il suo ex editore, che la figlia del premier definisce "ormai stucchevole" sottolineando che "continuare a giocare sull'equivoco, a voler confondere la legittima manifestazione di un’opinione con le scelte editoriali" è "strumentale e provocatorio oltre che decisamente ripetitivo".  

"DI CHE PAURA PARLA SAVIANO?"
- "Non posso tacere di fronte alle accuse", prosegue le nota firmata dalla figlia del premier. "Avrei dimostrato paura politicà perchè mi sarebbe mancato il coraggio di dire chiaramente che non sopporto più le parole di Saviano, sarei protagonista di una contraddizione pesantè in quanto sedicente editore libero che poi, quando qualcosa non va, mi dà addosso. Ma di quale paura sta parlando Saviano? E di quale contraddizione?", Marina incalza lo scrittore. "Non ho e non ho mai avuto paura di esprimere le mie opinioni, anche estremamente critiche: nei confronti di Saviano e non solo nei suoi". L'autore di Gomorra, secondo il numero uno di Mondadori, "continua a non distinguere, o a far finta di non distinguere. La libertà di pensiero e di espressione", sottolinea, "è un diritto universale che a nessuno, e sottolineo nessuno, può essere negato". Criticare, spiega, non equivale a "censurare".

"ROBERTO STRUMENTALE E PROVOCATORIO" - "Le mie opinioni personali", continua la figlia del premier, "nulla hanno a che vedere con le scelte della casa editrice che presiedo. Scelte che erano e restano totalmente libere e pluraliste: e questo, sia ben chiaro, non nonostante la famiglia Berlusconi come azionista di riferimento, ma anche grazie a noi e al modo autenticamente liberale di interpretare il nostro ruolo di editori". Saviano, si chiede Marina Berlusconi, "può lamentare una censura? Una minor attenzione da parte della Mondadori nei suoi confronti? La tutela della più assoluta libertà di espressione degli autori, a cominciare da Roberto Saviano, è e resterà al centro del nostro essere editori. La contraddizione", prosege, "mi sembra quella di chi rivendica giustamente per sè la sacrosanta libertà di parola e di critica che poi però pare non riconoscere ad altri. Per quanto mi riguarda", conclude Marina, "posso solo aggiungere che continuare a giocare sull'equivoco, a voler confondere la legittima manifestazione di un’opinione con le scelte editoriali, mi pare strumentale e provocatorio oltre che decisamente ripetitivo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mondolibero

    11 Marzo 2011 - 18:06

    ROBBE',stavolta l'hai aciaccata bella come si dice in toscana,sei una contraddizione vivente eppure che uno che si ritiene intelligente come tu credi di essere non va da Fazio che è il circolo del PCI del tempo che fu, dai robertino facci il piacere se sono 5 anni che non vivi mica te lo abbiamo chiesto noi di rompere i coglioni alla camorra, tu ti trovavi una bella fidanzata, andavi al cinema, il lunedì calcetto con gli amici, sabato pizza e invece!!!!!NO,hai voluto guadagnare tanti bei soldini scoprendo l'acqua calda? adesso usali per lavarti il culo perchè se ti trovano ti fanno nu mazz tant.poi credimi la Sig.ra Marina donna di classe e di cultura non spreca tempo a rispondere a chi prima le bacia i piedi e poi gli sputa in faccia,coerenza sig. saviano, coerenza quella che lei non ha tropponfacile guadagnare e poi piangere non solo, pretendere anche la scorta....guardi che quelli sono soldi nostri, dei cittadini glkiela regala il babbo di marina,rifletta saviano rifletta

    Report

    Rispondi

  • vidya

    08 Marzo 2011 - 15:03

    la mia mamma mi raccomandava sempre di non frequentare cattive compagnie. Il nostro Saviano, diventato popolare quasi all'improvviso e catapultato in ambienti che non conosceva, ha cercato un padrino che gli insegnasse a vivere in queste nuove situazioni. Per sua disgrazia ha incontrato un certo Fabio Fazio, un tipo abituato da anni a barcamenarsi con disinvoltura in quei meandri non facili e che ne usciva bene sputando nel piatto dove aveva mangiato. Contento lui; il guaio per Saviano è stato di non aver capito bene la lezione e adesso cerca fortuna mangiando nel piatto dove ha appena sputato. Penso che non sia proprio entusiasta di quei sapori, ma se questo è il prezzo per la gloria...... buon appetito, Saviano.

    Report

    Rispondi

  • Roberto P.

    08 Marzo 2011 - 14:02

    Sicuramente la tentazione è forte, ma Marina Berlusconi fa benissimo a non cacciare via a pedate da Mondadori Roberto Saviano; questo è quel che lui vorrebbe, per spacciarsi per martire, rincarare la dose delle scemenze che va blaterando da un rete tv all'altra contro Berlusconi, incassare le penali da Mondadori e poi strappare un contratto vantaggioso a qualche editore comunista... E invece no! Fino alla scadenza naturale del suo contratto Saviano deve rimanere obbligato a pubblicare i suoi orrendi e illeggibili libercoli con Mondadori, e l'atroce beffa che questo sedicente scrittore e i suoi lettori comunisti subiscono è di una raffinata crudeltà... CARI COMUNISTI, BERLUSCONI VI STA ANTIPATICO? RICORDATEVI CHE QUANDO ANDATE IN LIBRERIA A COMPERARE L'ULTIMA BOIATA DI SAVIANO STATE FACENDO AFFARI CON BERLUSCONI! Volete continuare a leggere quei libri, che si possono paragonare alla Corazzata Potiomkin nel film di Fantozzi? Buon divertimento, fate pure e intanto arricchite Berlusconi!

    Report

    Rispondi

  • ilmondodisuk

    08 Marzo 2011 - 14:02

    Segretario generale dell'Istituto italiano per gli studi storici e nipote del filosofo, Marta Herling afferma: Saviano inventa storie. Benedetto Croce non offriva mazzette. Oggi, sul Corriere del Mezzogiorno, edizione campana del corriere della sera. A pagina 5, con richiamo in prima. Buona lettura.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog