Cerca

La bellezza non paga più Salsomaggiore dice addio a Miss Italia

La cittadina termale in Emilia scarica il concorso: "Non esistono le condizioni finanziarie dopo tagli Governo"

La bellezza non paga più Salsomaggiore dice addio a Miss Italia
Bye bye, Salsomaggiore. La nuova Miss Italia non verrà eletta nella città termale emiliana: la città e i responsabili del concorso di bellezza hanno preso atto "di comune accordo" che non esistono le condizioni finanziarie per proseguire nella convenzione che prevedeva lo svolgimento delle finali a Salsomaggiore. In pratica: Miss Italia a Salsomaggiore chiude per crisi. La decisione è frutto della delibera dell'assemblea generale della società d'Area di Salsomaggiore (Comune, Terme, associazioni imprenditoriali della città), riunitasi oggi, e firmata dalla patron del concorso, Patrizia Marigliani.

"NON CI SONO FONDI" - Nella nota diffusa da Società d'Area e Miren, che gestisce il concorso, si sottolinea che "il generale stato di crisi del Paese ed i tagli generalizzati dell’ultima Finanziaria che hanno impattato pesantemente sulle risorse economiche delle Pubbliche Amministrazioni, Regioni, Province e Comuni in particolare non consentono oggi di affrontare impegni di spesa ulteriori rispetto alle esigenze essenziali della pubblica amministrazione e pongono anche Salsomaggiore nella condizione di dover operare scelte, anche dolorose, per quanto riguarda l’allocazione dei pochi fondi disponibili".

SI APRE LA RICERCA DELLA NUOVA SEDE - La cittadina termale in provincia di Parma mantiene una piccola opzione per il futuro. La figlia di Enzo Mirigliani, inventore del concorso, ha ricordato "gli anni vissuti in maniera straordinaria in questa città da migliaia di ragazze in un clima di amicizia". Ma, di fatto, al momento si apre la ricerca di una nuova sede per le finali di quest'anno e del prossimo.

NASCE MISS SPORT - Nonostante l'addio alla località termale, il concorso di bellezza si arricchirà di due nuove categorie. Con l’edizione 2011 nasce infatti Miss Italia Sport, destinato alle giovani atlete tesserate delle Federazioni Sportive Nazionali e delle Discipline Sportive Associate riconosciute dal Coni. Le due fasce che si affiancheranno a quelle storiche di Miss Cinema e Miss Eleganza sono Miss Italia Sport e Miss Italia Fair Play. I due titoli sono posti in palio sia a livello regionale che a livello nazionale. Il progetto si rivolge a tutte le giovani atlete di età compresa tra i 18 e i 26 anni, tesserate per le associazioni di tutte le Federazioni e discipline sportive, sia ricreative che agonistiche. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Lupetto99

    16 Marzo 2011 - 21:09

    I concorsi di bellezza in tutto il mondo sono sponsorizzate da società private, perchè in Italia dovrebbe essere il contrario? Fa sempre piacere vedere una bella ragazza, ma questo piacere non deve pesare sulle nostre tasche di contribuenti. Comunque l' uscita da Salsomaggiore era paventata da parecchi anni, oggi danno la mancanza di fondi come giustificazione per qualcosa che era stato gia programmato da tempo. Buon concorso, mi verrebbe da dire , e che vinca la più bella.

    Report

    Rispondi

  • auri

    16 Marzo 2011 - 09:09

    Scrivo da Parma e dico che è vergognoso come i politici di Salsomaggiore in questi anni non abbiano fatto niente per migliorare una città termale che avrebbe potenzialità economiche enormi. Che il sindaco lasci perdere lo Stato: questa è una manifestazione privata con innumerevoli sponsor. Una cittadina che dorme tutto l'anno e si risveglia la settimana di Miss Italia. Una cittadina morta, dove gli alberghi sono costretti a chiudere perchè non ci va nessuno. Dove i commercianti abbassano le saracinesche perchè i negozi sono vuoti. Salsomaggiore Terme fa pena e la colpa è esclusivamente della classe politica targata Pd che in questi anni ha dimostrato incapacità imbarazzanti. Auguro ai cittadini salsesi di svegliarsi alle prossime elezioni politiche.

    Report

    Rispondi

  • folgore38

    15 Marzo 2011 - 10:10

    Il vero problema del concorso di MISSITALIA , al di la di certe bellezze piu' o meno rattoppate nonostante la loro giovane eta', dicevo: scorre un fiume di danaro , in primis, per interesse personale ( eccome se il concorso e' per interesse di pochi eletti dalla CASTA per discendenza divina.Eppoi,senza offendere nussuno, fateci caso:quasi tutte le ragazze intervistate sembrano in apparenza come la Vergine Madonna illibate e caste. Invece molte di queste hanno esperienza navigate come se fossero un capitano di marina di lungo corso. Con simpatia. ciao P.S. Hanno ragione gli organizzatori di MissItalia: non c'e' un euro e la manifestazione non si puo' fare. Alle concorrenti dico: molti negozi hanno bisogno di commesse addette alla vendita. Approfittate che e' molto meglio e sicuro.

    Report

    Rispondi

  • mi3148

    15 Marzo 2011 - 08:08

    Il concorso del niente, della velleità, dell'apparire e di voler imporre canoni di fisicità che nella vita quotidiana contano per alcuni. Servono programmi di cultura non sperpero di denaro come quello dei pacchi. Basta pagare un canone per vedere i propri soldi dati a risposte da ignoranti o giochi inutili.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog