Cerca

'Repubblica', la l ezione di Saviano fa fango da tutte le parti

Lo scrittore aggiunge una chicca alle sue ossessioni anti-Cav: "La privacy sacra, ma non la sua" / BORGONOVO

'Repubblica', la l ezione di Saviano fa fango da tutte le parti
La macchina del ridicolo manovrata da Roberto Saviano non conosce soste. Il motore sbuffa, i bulloni stridono, la cinghia di trasmissione rotea forsennatamente e alla fine il marchingegno partorisce l’ennesimo articolo confezionato su misura per incantare i lettori di Repubblica. Un pezzo fatalmente identico a quello che lo precede e sicuramente analogo a quelli che verranno. L’argomento è sempre il medesimo: la fantomatica macchina del fango composta dai servi di Berlusconi. Circolano talmente tante macchine, ormai, che il giornalismo italiano sembra il circuito di Montecarlo.

Non contento di diffondere il Verbo tramite carta stampata, Saviano si concede anche ai tour nelle librerie e alle comparsate televisive, con un’agenda più fitta di quella su cui Ruby annotava i denari incassati. Ieri l’autore di Gomorra ha raggiunto l’apice: se prima lo credevamo un martire, dobbiamo ammettere che è diventato la Santissima Trinità. Egli è infatti uno e trino, poiché nel volgere di ventiquattr’ore ha calcato il pulpito di Repubblica, quello del Festival di giornalismo a Perugia (era ospite d’onore nella serata inaugurale) e il palcoscenico di Sky, emittente che ha ripreso la sua filippica indirizzata ai cronisti di tutto il globo e intitolata «Così sì combatte il fango».  Come abbiamo detto, è il solito articolo di Saviano, il quale forse pensa di essere il pianista Glenn Gould e si diletta a suonare infinite variazioni di unico tema. Di «macchina del fango» aveva già parlato a Vieni via con me su RaiTre, nel libro omonimo pubblicato da Feltrinelli e almeno in altre cento occasioni sui giornali e sul piccolo schermo. Ogni volta, però, aggiunge particolari minuti ma rilevanti.

Ieri  ne ha infilati alcuni straordinari. Ha spiegato a tutti noi poveri scribacchini al soldo del Cavaliere quale differenza passi fra «diffamazione e inchiesta». Ovvero: «L’inchiesta raccoglie una molteplicità di elementi per mostrarli al lettore. La diffamazione prende un singolo elemento privato e lo rende pubblico». Semplicemente geniale. Se un cronista rende noto ai lettori un aspetto della vita privata di qualcuno, significa che lo diffama. A rigor di logica, dunque, Saviano quando racconta come sia dura la sua esistenza da sorvegliato speciale, quanto siano rari e difficoltosi gli incontri con le donne eccettera si diffama da solo. Seguendo il ragionamento, una buona metà di Gomorra sarebbe diffamazione bella e buona.

Attenzione, però. C’è il trucco: la privacy, spiega lo scrittore «è sacra». A meno che tu non ti chiami Silvio Berlusconi. «Se candidi le tue amiche e puoi finire vittima di ricatti ed estorsioni, questo smette di essere un fatto privato». Se abbiamo capito bene funziona così: se un giornale di centrodestra pubblica una notizia che riguarda la vita privata di una persona, diffama. Se Repubblica o il Fatto si infilano sotto le lenzuola del premier, è colpa del Cavaliere che si fa ricattare. Qualora poi qualcuno osi mettere il naso negli affari di Gianfranco Fini, mal gliene incolga poiché intende «demolire la tua vita, la tua dignità, anche laddove non c’è ombra di reato».

Il bigino di giornalismo prodotto da Saviano offre anche una magistrale trattazione della vicenda di Dino Boffo, l’ex direttore di Avvenire, il quale fu massacrato dalla macchina del fango «riesumando una storia vecchia di anni che riguardava una multa pagata per chiudere una diatriba giudiziaria minima (telefonate a una persona che non voleva essere disturbata)». Sarebbe come descrivere lo tsunami giapponese alla stregua di un’onda un po’ diversa dal solito. Nel caso di Boffo ci fu una condanna per molestie, ma Saviano liquida tutto parlando di «una multa», quasi fosse una contravvezione per divieto di sosta.

Inoltre, spiega che il giornalista   fu «costretto a dimettersi». Costretto da chi? Dal “potere”? Vorremmo sapere chi manovra la macchina del fango, chi sono questi Grandi Vecchi che un tempo colpivano - parole dello scrittore - Pier Paolo Pasolini, Giacomo Matteotti e Giovanni Falcone e oggi (pensa i ricorsi storici...) Fini, Boffo e lui stesso. C’è sempre Berlusconi a tirare le fila? O forse la massoneria, la  P2, gli alieni, i rettiliani? Ma forse abbiamo capito: Saviano non ci svela i nomi dei colpevoli per non diffamarli. Mica fa parte della macchina del fango, lui.

di Francesco Borgonovo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aifide

    14 Aprile 2011 - 22:10

    La miglior arma è l'indifferenza: lasciatelo crogiolare nel suo ciarpame e non parlatene più, non comperate più i suoi libri, se lo trovate in tv cambiate canale, se spara popò in una libreria cancellatela dalla lista dei vostri negozi. Lasciate che si consumi da solo..........tra qualche mese vi chiederete: Saviano chi? L'indifferenza è il miglior oblio!

    Report

    Rispondi

  • paolamar

    14 Aprile 2011 - 13:01

    ...solo una cosa: Saviano vi fa tanto odio??? E allora, anche voi commentatori e lettori, lasciatelo perdere invece di continuare a provare gusto ad insultarlo, perchè infine solo di questo si tratta. Sia nell'articolo (naturalmente indirettamente) sia nei commenti ridicoli, quelli sì, di gente che dimostra, tra l'altro, di non conoscere affatto la sua attività in toto, i tanti scrittori e personalità a livello internazionale che lo stimano e lo difendono, le opere di Pasolini e via id questo passo. E' più che mai ovvio l'intento di Libero. ormai ci siamo abituati. E tra i commentatori ognuno sa il proprio livello e cosa è capace di fare che sia degno di nota.

    Report

    Rispondi

  • tonipier

    14 Aprile 2011 - 09:09

    Uno dei tanti, che aspirano ad essere la divina commedia della modernità, svelano la eccelsità del pensiero dell'autore, a ragione considerato un gigante del 2000, un gigante riscoperto. " il miglior fabbro", ed ha posto in rilievo come egli sia un scrittore diverso dagli altri, un scrittore che ha insegnato agli altri scrittori come usare il linguaggio.

    Report

    Rispondi

  • EZIA

    14 Aprile 2011 - 09:09

    Saviano . . . . ma va a fan . . . .! Basta non se ne puo' piu' di questo professorino del niente! Il suo libro Gomorra e' penoso!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog