Cerca

Minzolini - Santoro, due multe e due misure

La sinistra vuol far pagare le penali Agcom al direttore del tg. Ma non faceva altrettanto per le condanne di Michele

Minzolini - Santoro, due multe e due misure
La manovra a tenaglia è indubbiamente astuta: prima faccio di tutto per multarti, anche se la sanzione è per lo meno controversa. Poi ti aizzo contro le folle, sostenendo che spenderanno soldi inutilmente per pagare la penale che io stesso ti ho comminato. Una giravolta strabiliante, come di chi con un gesto repentino riuscisse girandosi a metterselo in quel posto da solo.   L’Agcom ha inflitto il massimo della pena al Tg1 di Augusto Minzolini e al Tg4 di Emilio Fede:  258.230 euro di sanzione poiché - recidivi - si sono ostinati a mandare in onda un’intervista a Silvio Berlusconi.   Tg2, Tg5 e Studio Aperto se la cavano con 100mila euro perché hanno la fedina penale pulita. Il trucco c’è e si vede, secondo il capogruppo del Pdl alla Camera Fabrizio Cicchitto: «È stato un durissimo attacco alla libertà d’informazione ricorrendo alla gherminella di conteggiare in un solo giorno i tempi degli interventi di Berlusconi».

Cioè sono state considerate soltanto le interviste rilasciate dal premier il 20 maggio, senza fare caso al fatto che il Cavaliere non parlava da quattro giorni e che nel frattempo i suoi avversari avevano fatto il bello e il cattivo tempo. Non solo, si è sorvolato anche sul fatto che nei giorni successivi al Tg1 la par condicio è stata ripristinata tramite conversazioni con Nichi Vendola e Antonio Di Pietro. Lasciamo stare, inoltre, la riflessione non secondaria per cui Annozero o Vieni via con me avrebbero dovuto essere punite a ogni puntata, vista la propaganda antigovernativa messa in onda con regolarità.
 
Detto che la recente sanzione puzza di assalto politico, è partita ieri  una campagna subdola, che recita: facciamo pagare il conto ad Augusto Minzolini. Il consigliere d’amministrazione di centrosinistra Nino Rizzo Nervo (col supporto di Carlo Verna dell’Usigrai) ha sostenuto che ci sia responsabilità personale da parte del direttorissimo, dunque toccherebbe a lui sborsare. La stessa tesi la sbandierava ieri il Fatto quotidiano in prima pagina: «Tg1, multa di 258mila euro. Adesso paghi Minzolini». E l’ha ribadita pure Maurizio Crozza  a Ballarò.
  
Teoria interessante. Gli amici progressisti prima contano sull’aiutino dell’Agcom per colpire chi consente a Silvio di parlare. Poi sobillano i telespettatori sventolando la «Tassa Minzolini». Il problema è che la «responsabilità personale» vale soltanto per i giornalisti vicini al centrodestra. Se sono i programmi della Dandini, di Fazio, Saviano e compagnia manettara a essere colpiti da multe, nessuno allunga la manina per infilarla nel portafogli dei conduttori.  Nel 2009, per esempio, arrivò una multa di  51mila euro ad Annozero e un’altra di 10mila euro a Che tempo che fa.  I dobloni da sborsare erano meno di quelli richiesti oggi al Tg1, ma il principio di responsabilità è indipendente dalla cifra: o vale o non vale. E non ci risulta che giornalisti e commentatori abbiano abbaiato verso Michele e Fabio pretendendo che scontassero la condanna aprendo la propria cassaforte.
   
Funziona sempre così: se viene zittito il Cavaliere, il bavaglio è sacrosanto. Anzi, va pure comprato con i denari del centrodestra.

di Malabarba

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    25 Maggio 2011 - 19:07

    Sarà il caldo?Sarà l'eccitazione preballotaggio?Sarà che l'hanno martellata con la propaganda?Qualunque cosa sia ,accenda il condizionatore,si metta comodo davanti al pc ( naturalmente con un bibita fresca ) e faccia una ricerca scrupolosa , sono sicuro che alla fine l'intelligenza vincerà.

    Report

    Rispondi

  • Dream

    25 Maggio 2011 - 17:05

    beh, andandosene ha fatto politica!! dai, ci mettiamo ad osservare gli eventi!... Ritorneraiiii, magari sulla 3! oppure si candidera' per l'europa.. non la conosco, difficilmente seguo i tg!!

    Report

    Rispondi

  • meloni.bruno

    25 Maggio 2011 - 16:04

    Oggi a pranzo il conduttore Mirabella aveva come ospite un professore filosofo certo Maurizio Viroli molto sinistroide, che con la scusa di impartire lezioni filosofiche prendeva a modello negativo Silvio Berlusconi dicendone di cotte e di crude, una propaganda elettorale occulta, come sà fare benissimo RAI3.Quì l'Authority non interviene in casa degli amici.

    Report

    Rispondi

  • bisnonna!

    25 Maggio 2011 - 15:03

    Essendo io molto ignorante in materia, mi vuole spiegare Lei perchè Travaglio ha dovuto "sborsare" 16.000 euro a Schifani.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog