Cerca

Schwarzenegger, da supermacho muscoloso a ometto vizioso

Declino di una star, crolla il mito di "Governator": usava i soldi pubblci per pagarsi le donnine/ BORGONOVO

Schwarzenegger, da supermacho muscoloso a ometto vizioso
L’unico aspetto vagamente cinematografico della vicenda è la presenza dei Chips, cioè i poliziotti della California Higway Patrol, quelli del celebre telefilm con Erik Estrada che interpretava l’agente motorizzato Frank Poncharello. Secondo le indiscrezioni riportate dal sito web Radaronline, infatti, erano gli uomini della stradale californiana a consegnare a domicilio ad Arnold Schwarzenegger le signorine con cui si intratteneva.

 I Chips le accompagnavano nel lussuoso albergo Hyatt Tegency di Sacramento, a bordo di berline nere Ford Crown Victoria. Le donzelle «discinte» salivano nella suite di Schwarzy e ne uscivano tra le due e le quattro ore dopo, immaginiamo visibilmente provate. La notizia è che il Procuratore generale della California avrebbe aperto un’inchiesta sull’utilizzo del denaro pubblico a fini diciamo “ludici” da parte dell’ex governatore. L’attore strapagato, il politico di grido ne ricava un’immagine a brandelli, di stallone in calore che si sfoga dove capita, con la cameriera latinoamericana da vent’anni a servizio nella sua villa o con le escort, per di più finanziate tramite denaro dei contribuenti.  Dalla colf Mildred Patricia Baena, poi, pare abbia avuto addirittura un figlio.
  La tentazione immediata è quella di far dell’ironia  sul declino del palestrato più noto al mondo ridotto a interpretare la caricatura di se stesso, cimentandosi nel ruolo di Inseminator  e confermandosi un ingrifato Predator sessuale. La storia, tuttavia, merita un po’ di serietà, se non altro perché va in scena la patetica caduta di un mito. Una versione ridicola e hollywoodiana di Dorian Gray, dove a far le veci del ritratto ci sono le foto di Schwarzy con gli addominali rocciosi di un tempo ridotti a pancetta, i pettorali ferrigni che si sciolgono in tettine femminee.

Poi tutto il contorno vizioso: il body builder dal corpo perfetto che trionfava a Mister Olympia, quello che posava nudo su Playgirl per la gioia delle casalinghe,  si dilettava in roventi performance con l’allora splendida Brigitte Nielsen e sposava la bellissima Maria Shriver, si riduce a frequentare puttane e a ingravidare la cameriera bassottella e grassoccia.  Infine c’è il versante  sociologico, del sogno americano che s’infrange. Schwarzy, immigrato austriaco, ha affrontato negli anni una radiosa ascesa. Prima si è fatto notare come mister muscolo tutto proteine e vita sana. Gradualmente, ha ottenuto la parola: dopo i primi film in cui si limitava a grugnire, è diventato un attore almeno decente e comunque amatissimo. Poi ha abbandonato il set e si è dedicato a una fortunata carriera politica, arrivando sulla poltrona più importante del suo Stato. E invece ora la California va a ramengo causa bilancio fallimentare, è sommersa dai debiti e si scopre che l’ex capo avrebbe aprofittato delle finanze già disastrate per facilitarsi gli accoppiamenti pomeridiani.

Non è una questione di moralismo. Di potenti che si rilassano in compagnia di donne abbiamo plurimi esempi. Ci sarebbe da farne un kolossal, più scostumato che in costume: Onan il barbaro contro Gengis Strauss-Kahn. E figuriamoci se qualche anima bella non tirerà in mezzo pure Silvio e il bunga bunga. Con una piccola differenza: un conto è se uno si circonda di ragazze consenzienti e organizza feste a casa propria. Un altro è se il signore di turno assale la donna delle pulizie per violentarla o si fa sovvenzionare le scopate dai cittadini. Che titanico contrappasso: l’ultimo film girato da Arnold, nel 2010, si intitolava I mercenari. E adesso deve giustificarsi per un paio di mercenarie.

di Francesco Borgonovo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blu521

    27 Maggio 2011 - 14:02

    Utilizzo di denaro pubblico! Noi paghiamo la Minetti, come la mettiamo?

    Report

    Rispondi

  • paolospyder

    27 Maggio 2011 - 11:11

    Mah. Non vorrei che l'articolo sia nato più dall'invidia nei confronti di un palestrato, invidia onnipresente da chi non lo è, invece che da veri fatti. Proprio Voi che difendete a spada tratta il Berlusca perchè dite giustamente finchè non c'è condanna si è innocenti, date addosso ad uno che tromba tanto (ultimamente è un reato in italia) ma non risulti ancora da nessuna parte che ha usato i soldi pubblici. Tra il resto si sa benissimo che tantissime donne la darebbero gratis ad uno come Schwarzy, quindi abbiate un pazienza e portate fatti veri e non l'indagine in corso del politico dell'opposizione (come in italia) sfigato sia perchè perdente in politica sia perdente come uomo fisico nei confronti di Schwarzy.

    Report

    Rispondi

blog