Cerca

Marilyn Monroe: l'iconico subway dress all'asta

Tra pochi giorni una casa d'aste metterà in vendita alcuni dei più significativi costumi di scena di Hollywood, dalla bombetta di Chaplin alle scarpette rosse di Dorothy, e New York si muove per riscattare l'abito bianco

Marilyn Monroe: l'iconico subway dress all'asta
Parlare di Marilyn Monroe richiama inequivocabilmente alla mente l’immagine, oggi parte della storia del cinema e del costume, che ha tormentato i sogni più audaci degli uomini  di tutto il mondo. Un abito da cocktail provocante, impalpabile, scollato e leggero che impertinente si solleva  al passaggio della metropolitana newyorkese, e lei, sex symbol per eccellenza, che cerca di coprirsi. Si tratta chiaramente della scena-simbolo di “Quando la moglie è in vacanza”, e del conturbante abito bianco che da solo già racconta come si diventa un’icona imperitura. Un abito si, ma non solo, centimetri quadri –pochi- di tessuto, destinati a diventare l’essenza stessa della sensualità,un  patrimonio della cinematografia mondiale  che presto potrebbe sparire in qualche collezione privata insieme ad altri straordinari pezzi unici che raccontano la storia di una Hollywood che non c’è più.

I SIMBOLI DI HOLLYWOOD ALL'ASTA
- Finirà all’asta da Profile in History il conturbante vestito bianco indossato dalla Monroe il prossimo 18 giugno, e non sarà il solo. Insieme all’abito che assicurò a William Travilla, costumista di “Quando la moglie è in vacanza”, la consacrazione internazionale,  tantissimi altri memorabilia hollywoodiani tra i più significativi della la storia del cinema -tutti parte della collezione privata  raccolta da Debbie Reynolds, attrice che da decenni si diletta nella raccolta di pezzi unici- saranno battuti all’asta. Può un costume di scena raccontare un personaggio? La risposta la da il catalogo della casa d’aste che tra una manciata di giorni offrirà al migliore acquirente la bombetta di Charlie Chaplin, l’abito di Cleopatra indossato da Claudette Colbert  negli anni ’30, il costume da Babbo natale di “Miracolo sulla 24ma strada”, l’armatura della Giovanna D’Arco di Ingrid Bergman tutti stimati tra i 20.000 e i 30.000 dollari, e poi ancora il vestitino celeste della Dorothy del Mago di Oz interpretata da Judy Gardland e le sue luccicanti e preziosissime (stimate tra i 120.000 e i 150.000 dollari) scarpette rosse, l’iconico trench di Sherlock Holmes, oltre ad una gran quantità di costumi di scena indossati dalle stelle più brillanti di Hollywood, tra cui Liz Taylor, Marlon Brando, Charlton Heston, Gregory Peck,Audrey Hepburn e Julie Andrews.

SAVE THE DRESS
- Salvare il vestito è l’obiettivo di un’associazione americana con sede a New York  creata ad hoc per raccogliere fondi in occasione dell’asta. Non potendo recuperare l’intera collezione  “Save the dress” sta raccogliendo contributi (è possibile donare dai 5 ai 500 dollari) per riscattare l’iconico ‘subway dress’, l’abito bianco di Marilyn, e poterlo esporre a beneficio di tutti. Ce la farà l’America a salvare il simbolo di Hollywood dalle grinfie di qualche avido e danaroso collezionista? Il traguardo è lontano, l’abito è stato valutato una cifra da capogiro, la stima infatti tocca i 2.000.000 di dollari.

di Donatella Perrone

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog