Cerca

I viaggi di Louis Vuitton in mostra a Pechino

Dai bauli dell'800 alle cover per gli Ipad: la Cina e il marchio francese festeggiano i primi 20 anni insieme

I viaggi di Louis Vuitton in mostra a Pechino
Viaggiare è un’arte? Potrebbe, ma l’atto primo del saper viaggiare, dell’organizzarsi ed esplorare il mondo, è quello di fare la valigia. O il baule. Louis Vuitton ci ha fatto la sua fortuna, con i bauli, prima ancora che con le richiestissime borse o con le collezioni lussuose,  intuendo la forma e il materiale che avrebbero cambiato per sempre il destino dei migratori, e aggiungendo poi un tocco fashion sufficiente a farli diventare uno status symbol universale e ad affermarsi, a distanza di oltre 150 anni dal suo debutto nel mondo della valigeria, come una delle griffe più importanti - e potenti- al mondo.

Alla scoperta della Cina -
Da piccola pelletteria a perno del colosso Lvmh, una cosa è rimasta invariata probabilmente, l’intuito del fondatore, che è ancora in qualche modo incastonato tra le pareti della casa di moda, dato che oltre aver fatto dell’arte di viaggiare uno stile di vita irrinunciabile condendolo del glamour sufficiente a convincere la Hollywood che conta a prestare la faccia – l’ultima, in ordine cronologico, Angelina Jolie, neo-testimonial del brand-  per promuovere la filosofia del marchio del monogramma più famoso al mondo, ha saputo rischiare nel momento giusto facendo dell’Asia, e in particolare della Cina, uno dei suoi poli commerciali strategici quando ancora si trattava di un Paese semi inesplorato dal fashion world. Un fiuto che è stato premiato dai numeri.  Solo 20 anni fa Louis Vuitton rischiava la sorte dando fiducia ad un mercato ancora poco battuto e apriva la sua prima boutique cinese, oggi  i negozi del marchio strategicamente disseminati per il Paese sono quasi 40, un numero importante che val bene una celebrazione ufficiale per festeggiare il ventennale di amore tra i consumatori cinesi e il marchio.

Viaggi in mostra - Il Museo Nazionale di Pechino ospita fino al 30 agosto “Voyages”, viaggi appunto come quelli che hanno ispirato il fondatore della maison all’inizio del suo percorso professionale e che ancora oggi sono il fiore all’occhiello della casa di moda. La mostra ripercorre i successi di Louis Vuitton dall’esordio del marchio fino a toccare le scelte stilistiche più moderne al servizio della tecnologia più all’avanguardia. Ci sono i famosi bauli quindi -quelli che ancora oggi fanno gola ai fashion victim più accaniti e che vengono realizzati pazientemente a mano dai 185 artigiani che ad Asnières li confezionano secondo i segreti gelosamente custoditi della griffe  e tramandati di professionista in professionista-  ma anche le borse e persino le  cover per l’Ipad  raccolti in una suggestiva scenografia che sottolinea il tema del viaggio con mini mongolfiere-espositori  distribuite negli spazi espositivi del museo rinnovato di recente, pronti a raccontare ancora una volta al mondo la storia di una delle più  grandi griffe della moda internazionale.

di Donatella Perrone

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog