Cerca

L'ultima di Annozero? Flop: un cane meglio di Santoro

Il teletribuno Michele saluta con una puntata speciale senza risse. Ed è sonnifero: 12% di ascolti, meno del "Commissario Rex"

L'ultima di Annozero? Flop: un cane meglio di Santoro
Altro che "Assassinio del mare". Michele Santoro ha deciso di dedicare l'anteprima del suo Speciale Annozero, andato in onda martedì sera su Raidue, ai temi cari: Bisignani, P4, Masi e naturalmente, senza citarlo, Silvio Berlusconi. Per il suo addio (a sorpresa) a mamma Rai, il teletribuno aveva annunciato una puntata dedicata al reportage sulla pesca di Roberto Pozzan, incentrato sulla crisi economica del settore ittico. Ma non poteva bastare, Michele aveva voglia di sfogarsi come fatto qualche giorno fa allo spettacolo autocelebrativo "Tutti in piedi", a Bologna. E così via allo show: pochi minuti in cui Santoro lancia i suoi strali sull'Italia.

Ascolti flop - Quello di Santoro, però, è stato un addio flop. Annozero ha registrato soltanto 2.727.000 spettatori, con uno share del 12,20% non proprio in linea con le medie della stagione. Senza risse, insomma, non rende. Tanto che la serata di martedì ha visto prevalere addirittura i non proprio irresistibili Il commissario Rex (Raiuno, 3.467.000 telespettatori, 15,19%) e il film di Canale5 Un soffio per la felicità (3.077.000 telespettatori, 14,34%). 

Solite beghe - Michele ha puntato tutto sulla polemica politica. Le telefonate tra Luigi Bisignani, l'uomo della P4, e l'ex Dg Rai Mauro Masi in cui i due studiavano il modo di estromettere Santoro da viale Mazzini diventano "la dimostrazione che in Italia non esiste il merito". "Personaggi come lui (Bisignani, ndr) hanno tanto più potere quanta poca intelligenza possiedono, e devono fare in modo di accontentare chi è davvero più potente, ma è il gioco delle parti, così come le ragazze per il Bunga Bunga, o ti comprometti e ne fai parte, oppure sei fuori". Eccolo là, l'affondo su Berlusconi e a un'Italia in cui, secondo il giornalista/politico i giovani devono assistere alla supremnazia di mafia, Lobby, camorre, massonerie e, cosa più importante di tutte, di una tv che rema contro. "La tv non ha parlato dei veri giovani d'Italia, fa più comodo far credere che tutto possa girare intorno al Grande Fratello, dove la realtà è completamente travisata". L'originalità non è la cifra di questa anteprima: " La tv di oggi è di basso costo e povera di contenuti di qualità, è lottizzata e subisce le influenze della politica, una serie di costanti bombardamenti seriali". Per esempiom incalza, sui temi come la Tav non si è fatta informazione. Santoro chiude qui e lascia spazio al reportage sulla pesca. La parte più interessante e utile della serata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lillignocchi1

    29 Ottobre 2011 - 21:09

    Chi di spada ferisce......di spada "PERISCE".......ben gli sta!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • tigrin della sassetta

    30 Giugno 2011 - 18:06

    non è di Firenze, appunto come non lo è il suo capocomico e per saperlo non occorre chissà quale svisceramento. Per spiegarmi, consentimi una glossa sulla cotica principale: non vedi che chicchinella crede che, per fargli le pulci, io debba scervellarmi a sezionare i suoi post a suon di analisi logica e grammaticale? Beh, è perché al poerino sfugge che c’è chi, imbattendosi in certe biascicature, avverte automaticamente uno stridore, un arrotar di denti, direi quasi un fastidioso prurito e, soltanto in seconda battuta ed allo scopo di spiegare i propri sghignazzi, va a reperirne le infrazioni alle norme dell’italiano decente. Fosse nato o, se non altro, scozzonato in una pignatta non dico di lampredotto ma almeno di cavolo strascicato o di cie’e (infanticidio ora giustamente proibito ma se in certi vituperevoli posti non si risparmiavano Anselmuccio ed Uguccione, figuriamoci gli anguillini!) ovessalvia, certe ubbie nemmeno gli ruzzolerebbero pel ceppicone. Insomma, il mucchio selvaggio di cotiche e coticoidi derivati, di tosco ha soltanto la caratteristica che la perfida diceria popolare ed il Vernacoliere vogliono di gran parte dei semi.maschi gigliati, la Bucolo.emulazione. Cordialità analitiche. Anima cattiva

    Report

    Rispondi

  • Dalton Russell

    29 Giugno 2011 - 22:10

    CRETINOPOLIS.

    Report

    Rispondi

  • chiavari

    29 Giugno 2011 - 21:09

    Cane batte cane, meno male.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog