Cerca

Addio a Oreste Lionello

voce di Woody Allen

Addio a Oreste Lionello
Addio alla storica 'voce' di Woody Allen. Oreste Lionello è morto a Roma dopo una lunga malattia. Aveva 81 anni. Secondo quanto si è appreso, la famiglia dell'attore chiederà una camera ardente in Campidoglio. Anima del Bagaglino, sia a teatro che in televisione, Lionello è stato uno dei massimi doppiatori italiani: indimenticabile la sua imitazione di Giulio Andreotti.

Oltre ad Allen, Oreste Lionello ha dato voce a Charlie Chaplin nel ridoppiaggio del 1972 de 'Il grande dittatore', a Dick Van Dyke in 'Mary Poppin's, a Peter Sellers ne 'Il dottor Stranamore', a Gene Wilder in 'Frankenstein Junior', a Michel Serrault nella trilogia del 'Vizietto' ma, soprattutto'. Nella versione di 'Cyrano De Bergerac' con Gerard Depardieu ha provveduto alla traduzione delle battute del protagonista tutte rigorosamente in rima.

Presente in molti film di Fellini, ha dato spesso la voce a più personaggi nella stessa pellicola.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • davide3269

    20 Febbraio 2009 - 01:01

    Vorrei sottolineare la parte di Frankestein Junior -specialmente la scena iniziale del dottore davanti agli studenti. Ho scoperto questo bellissimo film (1974) proprio qualche settimana fa e non mi ero accorto della sua voce, ma mi aveva colpito fra le altre cose proprio la qualità dei doppiaggi. Impossibile scindere la recitazione di Gene Wilder in quel personaggio col doppiaggio in italiano. Questi grandi interpreti ci lasciano, e i film di oggi non saranno mai più all'altezza di quelli del passato.

    Report

    Rispondi

  • LuigiFassone

    20 Febbraio 2009 - 01:01

    Uno pensa che un attore,un comico (uno di quelli VERI..),un politico (di quelli degni di essere chiamati tali) siano immortali,li aspetti per il prossimo film, la prossima esibizione,il prossimo comizio,e quelli non arrivano... Sono passati,come si dice,a miglior vita (speriamo tutti).Ad essere attenti,però,e ripensandoci,viene a mente che è già da tempo che i media non ti danno notizie fresche,nessuna comparsata,nessun "gossip" , poi leggi,a seguito della ferale notizia,che "era malato da molto tempo" ,oppure "soffriva di un male incurabile" (che è errato,sarebbe più corretto dire "inguaribile") . Caro Senatore Andreotti,il minimo che Lei può fare per Lionello, è partecipare al suo funerale.

    Report

    Rispondi

  • pd170

    19 Febbraio 2009 - 16:04

    Nanni Moretti ha sempre aborrito il senso del doppiaggio. Sostiene che serve a far lavorare quelle 4 famiglie di doppiatori italiani. Io preferisco i film in lingua originale, con rare eccezioni: il grande Oreste Lionello. Per noi italiani Woody Allen è grande anche grazie a lui. Speriamo che Woody non reciti più. Se dovesse uscire un film in cui è anche attore e l'Italia ce lo fa sentire con un'altra voce propongo di boicottare il film. Non l'abbiamo fatto per De Niro e Stallone, facciamolo per lui.

    Report

    Rispondi

  • ercole.bravi

    19 Febbraio 2009 - 14:02

    da attore negli anni 60, a voce compagna di tanti film, vero woody allen?, hanno reso pellicole incredibilmente colorite e vive. Una voce strana, particolare ma che la grande capacità di attore, ha saputo rendere unica. Ciao Oreste, la morte è un passaggio naturale, ma con il passare degli anni, anche persone che non si conoscono personalmente che fan parte del cosmo personale, ma che di volta in volta ci lasciano, danno un senso anche triste del passare del tempo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog