Cerca

Caccia ai tormentoni estivi Sorpresa: le radio mentono

Le vere hit sono nelle classifiche web e nel download online. Dominano Kuduro, Alexandra Stan e la Carrà. Lady Gaga? Non c'è

Caccia ai tormentoni estivi Sorpresa: le radio mentono
Il funerale al tormentone estivo? E' avvenuto da un pezzo, anche se qualcuno s'è sognato di scriverlo solo pochi giorni fa. Invece alla dance, che è il nuovo pop, il funerale glielo fanno quotidianamente le radiolone snob del Belpaese; nella fattispecie quelle che a qualsiasi ora passano le originalissime canzoni dei Modà (band prodotta da Ultrasuoni, etichetta che, guarda caso, appartiene alle medesime radio). Così, il divario tra ciò che la gente ama e compra (su iTunes) e ciò che ascolta passivamente su buona parte dei network italiani, diventa ogni giorno più lampante e, per certi versi, ridicolo. Da una parte c'è un mondo astratto, quello della radiofonia, dove l'entertainment e gli interessi fanno la parte del leone. Dall'altra c'è il pubblico, che ha gusti diversi e sulle hit ci arriva sempre prima. Altrimenti non si spiegherebbe come il Kuduro, primo nelle vendite da oltre un mese, non è ancora entrato nella Top 5 dei più trasmessi. In attesa di sapere chi la spunterà in questa accesa disputa tra programmatori radiofonici e ascoltatori, vediamo quali sono le canzoni che stanno facendo da colonna sonora a queste calde settimane...

Colpo di... Kuduro - Ovviamente, non possiamo non partire dalla pirotecnica Danza Kuduro di Don Omar & Lucenzo, sulla quale in molti hanno avuto da ridire: c'è chi si è soffermato sul fatto che è uscita l'anno scorso (ergo?), e chi ha evidenziato la sua vena tamarra, dimenticando che non stiamo parlando del Pierrot Lunaire di Schönberg, ma di una canzone dance, pensata per far breccia nel pubblico del mainstream e per far muovere certe parti del corpo (kuduro significa appunto "sedere sodo").

Dalla Romania - A seguire, la bella e brava (ma un po' ispirata, alla prima Inna) Alexandra Stan, che con l'ipnotica Mr. Saxobeat ci tiene compagnia da aprile, e LMFAO, che con la complicità di Lauren Bennett & Goon Rock ha creato l'irresistibile Party Rock Anthem, un mix esplosivo di house, tagliente electro e hip hop in stile anni '90.

J-Lo e Shakira deludenti - Scongiurato, per fortuna, il pericolo Lambada by Jennifer Lopez ma non quello dell'onnipresente Pitbull, in pista con la discreta Give Me Everything Feat. Ne-Yo, Afrojack & Nayer e pure al fianco di una Shakira tanto sorprendente nel nuovo look (è diventata mora) quanto deludente dal punto di vista musicale, visto che Rabiosa pare un motivetto da balera di quart'ordine.

Retrò-gusti - La carrellata prosegue con l'estasiante Anger Never Dies degli Hooverphonic, che riescono a piazzare un'altra elegantissima hit a dieci anni esatti e nello stesso periodo della indimenticabile Mad About You. Ancora eleganza con Caro Emerald, che impera in tv con Stuck e in fm con la solare Riviera Life (Vivere), in cui duetta con Giuliano Palma.

Inni per tutti - Bene anche per l'inossidabile Giorgia, che con il Mio giorno migliore, come l'ottima Dolcenera in Il sole di domenica, s'è lasciata contagiare dal suono elettronico e dal ritmo, che non manca nemmeno nell'energica Vedo Nero di Zucchero. Ancora Italia: dal bellissimo Manifesto futurista... di un Vasco Rossi che, statene certi, tra qualche anno e per la gioia di tutti, sarà "ancora qua", al Più grande spettacolo dopo il big bang del bravissimo Jovanotti. Ma l'estate italiana ha pure un inno gay frizzante e scatenato come Far L'Amore di Bob Sinclar e Raffaella Carrà, e un inno etero, Le donne, che è fortissimo e porta la firma dell'irrefrenabile Fabri Fibra.

Sorprese e non - Successo duraturo e meritato per l'esordiente Jessie J con Price Tag Feat. B.o.B, per il rumeno Catalin Josan con Don't Wanna Miss You e per i Coldplay, tornati da poco in scena con la brillante Every Teardrop Is A Waterfall. Occhio, anzi orecchio, anche ad un'altra esordiente, la brasiliana Maria Gadu, che nella splendida Shimbalaiê, un mix di suoni popolari, samba e funk, racconta il tramonto più bello del mondo.

Consacrazioni - Sempre in ambito internazionale, impossibile non far menzione di Set fire to the rain della fenomenale Adele, del talentuoso Bruno Mars con The Lazy Song e della conturbante Rihanna con la danzereccia S&M. Volano alti anche gli Swedish House Mafia (imitatissimi, da noi italiani ma adesso anche da David Guetta nella mediocre Little Bad Girl Feat. Taio Cruz & Ludacris), in classifica con un inno carico e decisamente orecchiabile come Save The World. Sulla rampa di lancio, invece, la scanzonata Last Friday Night (T.G.I.F.) di una Katy Perry che di essere brutta (nel video) può solo far finta, e la gradevole electro dance dal sapore europeo di Don't stop the party dei Black Eyed Peas.

Nessuna hit sotto l'ombrellone per Lady GaGa, che, come da noi anticipato, non decolla con l'ispiratissimo Born This Way e, dopo aver lanciato quattro canzoni in quattro mesi, paga il conto. Un po' salato, per la verità, dato che gli echi ormai depotenziati di Judas continuano a sentirsi qua e là, e The edge of glory, nonostante il bel sax del compianto Clarence Clemons, fa fatica a lasciare il segno. In più Germanotta, che se continua così, assieme Jim Morrison e compagnia rischia di finire nel club dei 27, minaccia di far uscire anche You and I. Ma per fortuna nel suo disco ci sono Americano e, soprattutto, Scheiße.

di Leonardo Filomeno

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • LFexperience

    11 Luglio 2011 - 16:04

    Danza Kuduro non è adatto a tutti i formati, è vero. Ma la cosa che dico io è un'altra, e cioè: perché la dance, solo il Italia, continua ad essere considerata musica di serie b anche, e soprattutto, dalle radio che potrebbero tranquillamente passarla come Rds o Rtl? Hit vere come il Kuduro o Mr Saxobeat, a prescindere dal fatto che siano brutte o belle, sono state scoperte dal pubblico tramite iTunes: non lo dico io, ma i numeri, ossia le classifiche di vendita, che controllo quotidianamente. Le radio citate ci sono arrivate (si fa per dire, perché non le passano nemmeno sempre) con estremo ritardo, degnandosi, forse, di dare un'occhiata ad iTunes...

    Report

    Rispondi

  • LFexperience

    11 Luglio 2011 - 16:04

    Per la cronaca, Shakira, nel videoclip è quasi sempre mora, semmai è bionda solo in alcuni passaggi, e comunque è una cosa simpatica da scrivere, non vedo dove sia il problema... Rabiosa in giro si sente abbastanza, è vero, ma non è una hit assoluta, né è al livello di Waka Waka o di altre sue canzoni. On The Floor di Jennifer Lopez è stata una hit primavile, prima su iTunes e poi nelle radio, nessuno lo mette in dubbio, ma adesso non lo è più. E meno male, aggiungo. LF

    Report

    Rispondi

  • voxpopuli

    11 Luglio 2011 - 12:12

    Forse la firma dovrebbe essere Leonardo Fenomeno, anziché Filomeno. Sono svariate le ragioni per cui quello che viene scritto non è corretto, a partire dal titolo. Se conoscesse la materia di cui disquisisce saprebbe che alcuni brani (come danza kuduro) non adatti a tutti i formati (non suonerà su capital, su virgin, su rmc, radio italia, etc etc) faticano a raggiungere il top proprio perché non sono programmati da tutte le radio. La qual cosa avviene per coerenza di formato, non perché le radio mentono. O forse diremo che il Sole 24 Ore mente perché non scrive di sport? Ma che l'argomento sia poco vicino all'autore lo si denota da alcuni dettagli: Shakira non è diventata mora, appare per qualche secondo mora nel video di Rabiosa, ma è ancora biondissima, con i capelli uguali a quelli di sempre. Jennifer Lopez e la stessa rabiosa funzionano tantissimo nei locali. La lopez, in particolare, è stata la più venduta in mezzo mondo un paio di mesi fa. Ed è uno dei successi dell'estate.

    Report

    Rispondi

blog