Cerca

A Los Angeles in mostra la bellezza: culto o ossessione?

Dalle foto di haute couture agli interventi di chirurgia plastica: la mostra "Beauty Culture" analizza le declinazioni del fascino

A Los Angeles in mostra la bellezza: culto o ossessione?
Mostra o provocazione? La risposta non è poi così scontata. Quella della bellezza a tutti i costi è un’ossessione che non conosce età,  razza né confini. Essere naturalmente belli non basta più e dove non arriva madre natura ci pensa il bisturi a rimediare agli ‘errori’,e  tanti saluti a quella che un tempo si chiamava bellezza acqua e sapone. Solo lo scorso anno negli Stati Uniti sono stati praticati 12 milioni di interventi estetici un dato significativo che sottolinea come l’attenzione -a volte patologica-  verso la bellezza cresca giorno dopo giorno.

La vanità in mostra - A Los Angeles, città dedita alla cura dell’aspetto per eccellenza con i suoi red carpet e le star hollywoodiane, l’Annenberg Space for Photography ospita, fino al 27 novembre, “Beauty Culture”, una mostra-indagine che affronta il tema dell’estetica sotto diversi punti di vista.  Da una parte ci sono le foto di moda, quelle patinate, che offrono modelli di riferimento difficili –se non impossibili, complice un uso improbabile di Photoshop- da eguagliare, dall’altra ci sono i sacrifici, la chirurgia, il dolore fisico che teoricamente offrono l’aspetto dei desideri ma che in realtà continuano ad alimentare insoddisfazione. Creare un dialogo tra la bellezza e l’innaturale percorso che sempre più spesso si sceglie per raggiungerl, costi quel che costi, non importa quanto sia doloroso o duro,  è l’obiettivo dell’esposizione che comprende 175 scatti realizzati da un centinaio di rinomati fotografi che con la bellezza e con la moda hanno a che fare quotidianamente . 

Haute couture e bisturi - In mostra una carrellata di scatti che, seguendo punti di vista diversi mettono a confronto nuovi modi di concepire la bellezza abbattendo stereotipi e focalizzando l’attenzione su concetto nuovi e meno convenzionali. Quanto costa la bellezza? A quali compromessi bisogna scendere –anche e soprattutto con sé stessi- per sentirsi finalmente belli? E poi, ci si sentirà mai sufficientemente belli. Su questi quesiti indaga “Beauty culture”, sottolineando come siano cambiati dal ventesimo secolo ad oggi  i canoni di bellezza ma anche gli interventi per raggiungere  a almeno avvicinarsi al proprio ideale.  Dal pearcing alla chirurgia passando per la vita di plastica delle baby reginette di bellezza – di recente ha fatto scalpore la mamma che aveva candidamente dichiarato durante la trasmissione Good Morning America di fare iniezioni di botox alla figlia di 8 anni – la mostra parla di culto e ossessioni.

di Donatella Perrone

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog