Cerca

Tutta l'ipocrisia di Miss Italia: regole e assurdo moralismo

Alice Bellotto esclusa per delle foto sexy su internet. Ma una gara che vive di corpi in mostra dovrebbe cambiare mentalità

Tutta l'ipocrisia di Miss Italia: regole e assurdo moralismo
Miss Italia, la fiera dell’ipocrisia. Non si era mai visto un concorso di bellezza che si permettesse di salire in cattedra e fare la morale  a una  delle candidate per delle foto sexy. E per questo escluderla dalla gara. È accaduto ad Alice Bellotto, 22 anni, Miss Wella Veneto.  La ragazza, bellezza mozzafiato, alta un metro e settanta,  fisico da indossatrice, con misure di tutto rispetto (83-65-83), nata a Romano d'Ezzelino, in provincia di Vicenza,  ha visto infrangersi il sogno  di una vita a poche settimane dall’inizio della kermesse più ambita dal mondo femminile che aspira a entrare nel mondo della moda o dello spettacolo. Per  Alice si chiude una porta, forse si aprirà un portone... Intanto può dire addio al titolo di reginetta. E pensare che era già stata ammessa alle prefinali nazionali.

Eppure Alice, disinvoltura da vendere,  come si può vedere dalle foto che la ritraggono in pose di nudo artistico e in qualcuna un po’ osé, sembra  portata per quel mondo, dove ciò che conta è mostrare più che dimostrare.  Ma la candidata ha commesso un’ingenuità tattica: ha messo quelle immagini  su Internet. Si sa il mondo on line è una vetrina, ma anche una  trappola infernale, più della tv e del cinema. Ma i giovani sembrano non rendersene conto. Spesso, come  nel caso di Alice, il desiderio di apparire supera il buon senso. Quelle  foto -  che  messe sul web  in un attimo hanno fatto il giro del mondo - non sono piaciute  agli organizzatori di Miss Italia, il cui ufficio legale  ha comunicato alla ragazza la squalifica in base all’articolo 8 del regolamento per il quale «le concorrenti non devono essere state ritratte in pose di nudo o sconvenienti».

Patrizia Mirigliani, figlia dello storico patron della kermesse,  pur dispiaciuta, ha tenuto  a precisare: «Dobbiamo tutti rispettare le regole e le ragazze devono porre molta attenzione a farsi fotografare in atteggiamenti che finiscono per essere provocatori». Non solo.  «Questa edizione  ispirata alla naturalezza, alla moderazione respinge gli eccessi, sotto tutti i punti di vista. Siamo il Concorso della semplicità, delle ragazze di famiglia che esprimono i loro valori e la loro personalità, anche su una passerella, delle donne ordinate, sia nel corpo che nello spirito. Mi piacerebbe che la nuova Miss Italia avesse grazia e pudore».

 Sembra di assistere al balletto dell’ipocrisia. Pudore? Chi partecipa ai concorsi di bellezza non è certo una timida bibliotecaria di  provincia (ammesso che esistano ancora...) che  in un momento di euforia decide di fare un salto  a Salsomaggiore,  vincere e tornare silenziosamente in biblioteca. La kermesse  comincia mesi e mesi prima del grande appuntamento, che quest’anno  non sarà a Salsomaggiore ma a Montecatini  Terme, con le ragazze che sfilano  in costumi da bagno molto poco castigati davanti a giurie  che vanno e vengono. Difficile cogliere il pudore in chi ancheggia in bikini  su tacchi vertiginosi cercando di convincere gruppi di  sconosciuti  di essere  la più bella.
 
E poi  perché scandalizzarsi,  abbiamo visto reginette di Miss Italia  che  si sono spogliate davanti alla macchina da presa o per un calendario.  Un seno scoperto come nel caso della Bellotto (prima) che sarà mai...  La conferma. Martina Colombari Miss Italia 1991, per esempio,  qualche giorno fa presentando il suo libro ha rivelato: «Mi sono  raccontata e ne sono uscita molto più nuda e trasparente che in alcuni miei calendari». Anche questa è nudità. Nel 2011 forse  è quella che fa più effetto. Il concorso di Miss Italia, la cui prima edizione porta la data del 1939,  che da allora ha  sfornato  reginette che sono poi  diventate donne di spettacolo,  oggi appare un po’ ingessato in un regolamento forse  obsoleto soprattutto nella forma.

di Daniela Mastromattei 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lumaca

    23 Agosto 2011 - 10:10

    Ok! Apriamo il concorso anche alle pornostar e ai trans !!!! Tanto ormai....esiste più qualche valore morale? Ma si....via tutte le regole!

    Report

    Rispondi

  • LoZioTazio

    22 Agosto 2011 - 23:11

    Questa esclusione dimostra quanta ipocrisia e falso moralismo ci sia nella societá italiana. L' esclusione della bellotto é una vergogna, ed é del tutto inutile che la Mirigliani e soci cerchino una scusa del regolamento, perché chi fa il regolamento sono loro, e quindi é loro compito epurare il regolamento da regole e norme ipocrite e ridicole.

    Report

    Rispondi

  • folgore38

    22 Agosto 2011 - 14:02

    La Bellotto l'hanno asclusa perche' , dicono , fa scandalo . Almeno la Bellotto e' giovane ed e' anche molto carina a differenza di certe barbone che, ogni anno di questi tempi, apppaiono sui giornali scandalistici in posizioni scabrose (loro dicono che sono artistiche) nude e quasi al pelo.

    Report

    Rispondi

  • folgore38

    22 Agosto 2011 - 14:02

    La Bellotto l'hanno asclusa perche' , dicono , fa scandalo . Almeno la Bellotto e' giovane ed e' anche molto carina a differenza di certe barbone che, ogni anno di questi tempi, apppaiono sui giornali scandalistici in posizioni scabrose (loro dicono che sono artistiche) nude e quasi al pelo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog