Cerca

E' sempre il solito Vasco Rossi Malato ma domina la classifica

Il rocker continua ad essere il dominus della hit parade. Lunedì esce il nuovo singolo "I soliti", già postato su Facebook

E' sempre il solito Vasco Rossi Malato ma domina la classifica
Di certo non si sta annoiando, davanti al computer, nella sua stanza dei segreti e dei ricordi. Costretto da un riposo forzato di oltre due mesi per i noti malanni che sono partiti da una costola e hanno interessato il suo intero stato fisico, Vasco sta controllando il mondo via Facebook e ridacchia divertito. Da ieri il suo cd Vivere o niente è tornato prepotentemente in vetta alle classifiche, staccando Ora di Jovanotti e, soprattutto, Amy Winehouse, il cui Back to black (l’album più venduto del XXI secolo in Gran Bretagna) è disceso al terzo posto. Seguono, nell’ordine, i Modà (Viva i romantici), Gianna Nannini (Io e te), e poi Adele, la sorprendente Maria Gadù - prima tra i singoli con Shimbalaye -, Zucchero e il grande rivale Ligabue, nono. Trattasi di una soddisfazione enorme per il Blasco che ha movimentato la sua lunga estate calda con ricoveri in serie, generando dubbi e paure tra i fans, ma alla fine trovandosi nella condizione che preferisce: primo, in testa alla hit, re come sempre, trionfante nonostante la costola e la spalla dolorante che lo hanno costretto a dare retta ai medici e ad annullare la parte finale del Kon Tour ’011. E cioè le date di Torino, Bologna, Udine e Avellino. Lui, che cerca sempre di uscire dai consueti canoni della pubblicazione di un disco, questa volta si ritrova, suo malgrado, anche una pubblicità gratuita, alla quale, tuttavia, avrebbe preferito sicuramente una salute perfetta, in modo da poter cantare sul palco davanti ai suoi fan.

Ma ieri è stata una giornata davvero speciale per il Blasco che poco dopo essere ritornato al numero 1 ha annunciato l’uscita dell’attesissimo singolo I Soliti, l’inedito che chiude il docu-film Questa storia qua, di Sibylle Righetti e Alessandro Paris che verrà presentato al Festival del Cinema di Venezia il 5 settembre e, contemporaneamente, in 200 sale cinematografiche. Non è ancora esclusa la partecipazione di Vasco alla prima veneziana. La canzone è stata già postata dal rocker di Zocca sulla sua pagina di Facebook in uno degli ormai celeberrimi “clippini” e da lunedì  sarà in radio e sul web.

Del brano ne avevamo già parlato ampiamente su Libero  e con un certo anticipo sui tempi. Nato in uno degli ultimi giorni della sua permanenza a Los Angeles nel gennaio 2011 «in un clima di sbaraccamento e valigie, con i fidi Gaetano Curreri e Saverio Principini che lavoravano alla musica», come racconta Vasco, rappresenta un esperimento audace: la pubblicazione di un disco singolo al di fuori di quelli che sono tutti i contesti ufficiali legati a promozioni o passaggi pubblicitari consueti. Le parole de I soliti gli sono venute improvvisamente, di getto: «Le avevo dentro già da un po’, dovevano solo uscire con un senso... ma troppo tardi però per essere inclusa nell’album Vivere o niente già chiuso e pronto per la stampa». Il testo dice: «Noi siamo i soliti... quelli così... Siamo i difficili... fatti così... Noi siamo quelli delle illusioni, delle grandi illusioni... Noi siamo quelli che... vedete qui»: In pratica la versione 2011 di Siamo solo noi. Spiega ancora Vasco: «Siamo ancora e sempre noi, quelli che vivono intensamente la loro vita, con passione e verità, e non le fermano no le loro emozioni, anzi». Quando ha visto la copia lavoro del docu-film, Vasco ha deciso che I soliti era il brano  perfetto come finale di Questa storia qua, un bell’impatto sui titoli di coda, e ha pensato di pubblicarla quindi sul web. Mezzo che Vasco, ormai, ritiene l’unica via per comunicare, i pensieri e anche la musica: «Le canzoni vanno ascoltate così all’improvviso, senza troppi preamboli». Questo brano, che lui ha definito «la vera riprova del fatto se sono finito o no...», conferma un assioma: Vasco non è out, come artista. Anzi...

di Leonardo Iannacci

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog