Cerca

Fassbender conquista Venezia Consensi e fischi al re del sesso

Prima frusta il lato B di Keira poi mostra il lato A in Shame. Così diventa l'attore più chiaccherato della Mostra del Cinema

Fassbender conquista Venezia Consensi e fischi al re del sesso
Chi lo ha accolto con ovazioni e applausi, chi lo ha fischiato. Certo è che Micheal Fassbender, 34 anni, fisico scolpito e occhi penetranti, è stato l'attore più chiaccherato di questa 68^ edizione della Mostra del Cinema di Venezia. E a ben vedere, qualche motivo si può anche ravvisare. Tanto per cominciare, il suo primo ingresso al Festival non è stato dei più soft: l'attore ha regalato al pubblico scene sadomaso tra cui una sonora frustata al lato B di Keira Knightley in A Dangerous Method di David Cronenberg. Ma Fassbender ha partecipato alla mostra con una seconda pellicola, Shame di Steve McQueen, presentata domenica in anteprima. E ha ben pensato di non 'abbassare il livello' anche in questa occasione, in cui ha mostrato, per par condicio, il suo lato A. Completamente nudo come mamma l'ha fatto. A sentir l'attore, pare che sia proprio mamma la sua prima sostenitrice e fan: "E' stata mia madre ad incoraggiarmi. Perchè, mi ha detto, devono essere solo le donne a spogliarsi al cinema? Coraggio, fallo anche tu". Il ragionamento non fa una grinza. Eppure, continua Michael:  "E' stata un'esperienza inedita, piuttosto imbarazzante". Almeno questo.

Un film eccessivo? -
Fassemberg nel film Shame interpreta Brandon, un erotomane incallito, sesso-dipendente a tempo pieno, costretto a farlo in ogni momento del giorno e della notte e in qualunque luogo si trovi. In casa, in ufficio, nei bar, per strada e persino sul web. "Se non fosse per Steve non avrei mai accettato". E infatti l'attore spiega di essere rimasto affascinato dall'attenzione di McQueen per gli esseri umani e per le loro sofferenze. Il sesso compulsivo è tra queste ultime e il regista ne fa il protagonista del suo film. "Conosco un sacco di persone alle prese con questo problema - assicura McQueen -. Il sentimento comune per quasi tutti è la vergogna. Da qui il nostro titolo. Come la droga, l'alcol o il gioco d'azzardo, il non saper controllare il proprio sesso, il diventarne schiavi è una delle tante dipendenze di questa nostra epoca all'insegna della massima libertà sessuale. In questo senso Shame è un film politico". Ma non è un'esagerazione supreflua ostentare, senza filtri, tutto questo erotismo? A chi polemizza sugli eccessi del film, Fassbender risponde: " Abbiamo discusso a lungo si queste scene - precisa l'attore - Alla fine si è deciso che era giusto mostrare come ogni assuefazione si intrecci con l'altra, in una catena esponenziale senza via d'uscita".



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • PinellaP

    06 Settembre 2011 - 19:07

    Più che per le scene di sesso, il nostro, avrebbe dovuto imbarazzarsi per le orribili flip flop sfoggiate sotto i jeans, in entrambi i photocall dei film. Che Dior l'aiuti.

    Report

    Rispondi

blog