Cerca

Silurata La Dandini perde il braccio di ferro Fuori dalla Rai sbotta: "Occupazione politica"

Con 5 voti a favore e 4 contrari in Cda, salta il contratto della conduttrice. Così 'Parla con me' non andrà in onda sulla tv pubblica

Silurata La Dandini perde il braccio di ferro Fuori dalla Rai sbotta: "Occupazione politica"
La questione sembrava risolta e il programma Parla con me di Serena Dandini doveva andare regolarmente in onda su Rai3 con l'unico inconveniente di un leggero ritardo nell'inizio, rispetto a quanto era stato previsto. E invece non è andata così. Il Cda Rai ha votato il contratto, così come proposto dal direttore generale Lorenza Lei e, con 4 voti a favore e 5 contrari, l'ha bocciato. No a Serena Dandini, no a Parla con me. Dura la replica della diretta interessata che definisce la Rai ormai "sotto occupazione politica". Giudizio condiviso dal numero uno della Fandango, Domenico Procacci: "Decisione completamente politica - commenta secco Procacci - presa contro l'interesse dell'azienda, conseguente a un preciso mandato, del tutto politico". E intanto già partono le iniziative di protesta davanti agli studi della Rai, in favore di Dandini e di Michele Santoro.

Salta l'intesa - La proposta avanzata dal direttore generale, Lorenza Lei, prevedeva il rinnovo del contratto con un taglio sensibile di costi di produzione esterni sostenuti verso la Fandango. La Dandini, dopo aver puntato i piedi a lungo, aveva deciso solo due giorni fa di accettare le condizioni poste da Viale Mazzini. Ma, colpo di scena, è stato il Cda ad opporsi: 5 consiglieri di maggioranza, a quanto si apprende, hanno votato contro mentre sono stati 4 i voti a favore. La bocciatura pertanto è tutta nel Cda: nei giorni scorsi infatti tra la direzione generale e la Fandango l'intesa era stata raggiunta e sanciva un compromesso tra l'esigenza aziendale di ottimizzazione dei costi e al tempo stesso la volontà di continuare ad avere Serena Dandini e Parla con me nel palinsesto autunnale Rai.

La replica di Fandango -La decisione ovviamente non è piaciuta a Procacci che, però, non si dà per vinto: "Da questo momento - sottolinea il produttore - lavoriamo per cercare altre strade".  Viene subito da pensare, come ormai da copione, ad un possibile passaggio a La7. "Vedremo - replica Procacci - le poche alternative che ci sono le andremo ad esplorare". Dal canto suo, il presidente della Rai, Paolo Garimberti, etichetta la decisione come "aziendalmente incomprensibile".

"Li ho stanati" - "L'unica soddisfazione di una giornata amara è di averli stanati. Mi hanno accusato di essere avida, di volere troppi autori, ecc. Ma, pezzo a pezzo, abbiamo smontato ogni pretesto. Ora e il re è nudo e tutti hanno capito perchè non andiamo in onda!". Così Serena Dandini commenta la bocciatura in cda Rai del contratto per il suo programma. "Mi dispiace - aggiunge - per l'azienda in cui abbiamo lavorato per decenni che, mai come adesso, è sotto occupazione politica e per gli abbonati che ci hanno dimostrato sempre un enorme affetto. E che -  lo prendiamo come impegno - ci ritroveranno presto altrove". E conclude con sarcastica ironia: "Visto che ho regalato alla Rai il format ideato da me, potrei almeno riavere il divano?".

La protesta - La decisione ha provocato un'iniziativa di protesta giovedì sera alle 21 davanti agli studi Rai di via Teulada contro la cancellazione di programmi come Annozero e Parla con me e in favore di Michele Santoro e Serena Dandini. L'iniziativa è promossa anche dall'Associazione Articolo 21 sul cui sito il presidente Fnsi, Roberto Natale, scrive: "La crisi della Rai è vicina al punto di non ritorno. E se c'è una possibilità di invertire questo esito, è legata al fatto che il servizio pubblico chiuda la stagione dei veti, delle censure, delle espulsioni, degli editti e faccia capire che la sua presenza ha ancora un senso".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • colani

    16 Settembre 2011 - 10:10

    X chinasky Nemmeno io condivido la trasmissione di Dandini e così tanti milioni di italiani, invece perchè piace a qualche milliaio di cretini me la devo subire. No non ci sto più, sono stanco di sentire dire occupazione politica, anche la Dandini col suo comportamento fa un`occupazione politica in Rai, a me non sta bene perchè la Rai è di tutti, sponsorizzata col nostro canone. Se vuole avere la libertà assoluta di esprimersi, Dandini, Santoro e tutti gli altri vadano a farsi fare una televisione dal proprio partito oppure, vadano la dove il tanto amato Sordi diceva di avere pure amici

    Report

    Rispondi

  • ubik

    16 Settembre 2011 - 09:09

    ma la dandini mi è simpatica, adesso più di prima.

    Report

    Rispondi

  • fdrebin

    16 Settembre 2011 - 09:09

    I costi e le altre scuse, questo erano: scuse. Il programma dava parecchio fastidio. Adesso vediamo quale altra schiappa ci metteranno a tappare il buco con i miei soldi.

    Report

    Rispondi

  • pincruise

    16 Settembre 2011 - 09:09

    Appena prende il potere la sinistra, ti manderemo a condurre ilfestival di Sanremo, poi "c'è posta per te" , "porta a Porta". Non Mollare... tu adesso stai a casa e copriti bene

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog