Cerca

Paragone lo aveva annunciato La 'santorizzazione' è iniziata

Al via la nuova stagione de 'L'Ultima Parola' tra interviste a escort, agricoltori veneti anti casta e scontro frontale Di Pietro-Sallusti

16
Paragone lo aveva annunciato La 'santorizzazione' è iniziata
Paragone fa il Santoro. Aveva annunciato che avrebbe tolto la casacca di giornalista di centro-destra ma venerdì sera, nella prima puntata dell’ Ultima parola è andato anche oltre. In uno studio tutto nuovo, semicircolare come quello di Annozero, Paragone mette subito in atto il suo processo di santorizzazione. "La politica può chiudere la bocca a Santoro ma non può anestetizzare le storie". E via con l’intervista a una precaria che annuncia di scendere in piazza contro la casta. Poi scende in campo l’agguerrito agricoltore delle campagne venete impoverito dalla crisi che inveisce in dialetto contro i politici: "Se lavorassero 40 anni nelle campagne anziché varcare il Palazzo, non avrebbero certi vizi".

Segue intervista a Terry de Nicolò (una delle escort che ha ammesso di aver frequentato Palazzo Grazioli) che sintetizza come gira il mondo e, in breve dice che se vuoi fare i soldi, devi venderti. "La bellezza è un valore", spiega. "Se sei una racchia devi stare a casa". Il direttore del Giornale Alessandro Sallusti, sbigottito, spiega che l’Italia non è solo escort e chiede a Paragone: "Perché non fai un’inchiesta giornalistica sulla beneficenza che fa Silvio?". Quindi chiosa: "Siamo passati da Santoro e Ciancimino a Paragone e Terry". Prima ancora duello ad alto voltaggio tra lo stesso Sallusti e Antonio Di Pietro. I due urlano, i toni si alzano, lo scontro è frontale. La trasformazione sta avvenendo. Sì, Paragone fa il Santoro. 


Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carloultuli

    22 Ottobre 2011 - 19:07

    paragone cerca di fare cassa .......con la sinistra peggio di scilipoti che figura!!!!!viviamo propio in un paese di merda.....................

    Report

    Rispondi

  • Cattif.49

    17 Settembre 2011 - 09:09

    Non ho seguito la trasmissione , ma penso che la tentazione di imitare l'invidiato Santoro ( e i suoi indici di ascolto ) sia innegabile , la riscontro in molti conduttori . Anche inseguire l'audience ad ogni costo , senza scrupoli , secondo me è una forma un po' più elegante di meretricio .

    Report

    Rispondi

  • libero

    17 Settembre 2011 - 09:09

    come i topi che abbandonano la barca che sta imbarcando acqua.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media