Cerca

Fox e i doppiatori ai ferri corti Simpson chiudono bottega?

Le sei voci non vogliono accettare il taglio del 45% del loro compenso: 8 milioni di dollari a stagione

Fox e i doppiatori ai ferri corti Simpson chiudono bottega?
Non è per mancanza di ascolti nè tantomeno per carenza di idee che i mitici Simpson si preparano a chiuder bottega. Proprio così, dopo 23 anni di successi e una media 8,7 milioni di telespettatori a puntata la sitcom animata, creata da Matt Groening e diffusa dalla Fox dal 1989, potrebbe essere arrivata al capolinea. Quale allora il motivo? Ancora una volta il problema è il contenzioso tra la Fox e i doppiatori sul taglio dei conpensi che tradotto significa: a crear rogna sono i bigliettoni verdi. I sei doppiatori principali che danno voce agli abitanti di Springfield non hanno, infatti,  alcuna intenzione di accettare un taglio di circa il 45% agli stipendi delle voci di Homer & Co: si tratta di una quota decisamente superiore alla riduzione massima del 30% che i doppiatori erano disposti ad accettare. Si chiude il sipario? Non è detto. Come rivela il portale Daily Beast, al momento la negoziazione con la casa di produzione 20th Century Fox Television è in una fase di stallo.

I malumori dei Simpson -La ventitreesima stagione dei Simpson è partita negli Usa a fine settembre. Da subito i primi malumori. Gli ascolti sono ancora buoni ma calati del 19% rispetto a cinque anni fa, quando lo show registrava ancora una media di 8,7 milioni di telespettatori a puntata. Inoltre, il braccio di ferro tra le voci e la Fox era già iniziato qualche anno fa. I dirigenti della rete televisiva hanno spesso minacciato di sostituire il cast di The Simpsons con attori dalla voce simile. Senza grandi risultati. Già nel 2004 i doppiatori entrarono in sciopero per una disputa sul rinnovo dei loro contratti. C'è da dire che finora, Dan Castellaneta (Homer e Krusty il Clown); Julie Kavner (Marge), Nancy Cartwright (Bart); Yeardley Smith (Lisa); Hank Azaria (Boe) e Harry Shearer (Mr. Burns e Ned Flanders) hanno mantenuto invariate le condizioni vantaggiose, guadagnando tutti circa 8 milioni di dollari annui per 22 settimane di lavoro.

La Fox - "Riteniamo che questa serie brillante possa e debba continuare ma non potremo assicurare la produzione degli episodi futuri mantenendo lo stesso modello finanziario, ha indicato la Fox in un comunicato -. Ci auguriamo di poter trovare un accordo con le voci, che consenta la produzione di nuovi episodi per tanti anni ancora".





Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • prt

    05 Ottobre 2011 - 18:06

    I SIMPSON sono fantastici..., le risate molte...., noi conosciamo i nostri doppiatori in Italia ...., quindi fate come volete.., ma continuate poiche' c'e' bisogno di ridere...specialmente di questi tempi.....e in modo sano come con i Simpson !!!

    Report

    Rispondi

  • marco_d

    05 Ottobre 2011 - 18:06

    Tanto in Italia sono poi ri-doppiati ... ?!

    Report

    Rispondi

blog