Cerca

Arricchiti I fan pagano Santoro più della Rai Così Michele rischia di finanziare pure il Cav

Il teletribuno ha già raccolto dai suoi sostenitori 300mila euro. Così si produrrà il programma e si pagherà il lauto compenso

Arricchiti I fan pagano Santoro più della Rai Così Michele rischia di finanziare pure il Cav
Michele Santoro è un uomo fortunato. Ha fatto prima a raccogliere i soldi che a mettere in regola l’associazione Servizio Pubblico di Giulia Innocenzi che avrebbe dovuto raccogliere le donazioni per la nuova avventura televisiva. A ieri c’erano in  poche ore più di 300 mila euro raccolti con il sistema pay-pal grazie a donazioni di fans in genere da 10 euro ciascuno. Qualche soldarello deve essere arrivato pure sul conto corrente della Banca di credito cooperativo di Roma -  direzione generale di via Sardegna. In tutto servivano per chiudere l’aumento di capitale della Zerostudio’s  srl che produrrà il programma, 495 mila euro e l’obiettivo è praticamente raggiunto. Con quella cifra potranno avere il 26% circa della società della nuova tv e pagheranno buona parte del prezzo stabilito per Santoro conduttore: 810 mila euro, più di quello che lo valutava la Rai. Come nel tele-voto dunque  entro fine settimana  si chiederà ai volenterosi santorini di chiudere le donazioni. Perché ogni euro in più del dovuto potrebbe rappresentare un problema fiscale, e naturalmente tutto vorrebbero i donatori meno che regalare al governo  2 euro e 75 centesimi ogni 10 versati, come potrebbero rischiare di fare.

Qualche perplessità fra i fan è nata al momento di fare le donazioni. Il sito messo in piedi   in fretta e furia dalla associazione Servizio Pubblico indica più canali per donare. On line ci sarebbe quello pay-pal o quello delle carte di credito. Siccome funziona solo il primo, tutte le donazioni in rete passano da lì. Al momento di fare il pagamento però si scopre che il beneficiario non è l’associazione, ma l’Editoriale Il Fatto spa, sia pure con la causale «per servizio pubblico». Il passaggio un po’ tortuoso non è stato spiegato   ai donatori, ma ha ragioni squisitamente tecniche: la società editrice de Il Fatto aveva un conto pay-pal che l’associazione non possedeva, e poi grazie a un contratto stipulato girerà le donazioni all’effettivo beneficiario. D’altra parte Il Fatto   è l’azionista che ha messo più soldi nell’avventura televisiva: 350 mila euro attraverso quattro assegni (3 da centomila e uno da 50 mila) per avere il 23,41%. Santoro e la moglie hanno azioni invece che pesano di più e al momento assicurano la maggioranza del capitale, ma sono costate assai meno: 100 mila euro per avere il 66,88%. Altri 100 mila euro ha versato la Videa di Sandro Parenzo per avere il 6,69% e infine 45 mila euro sono stati messi dalla professoressa Maria Fibbi per avere il 3,01%. Nell’aumento di capitale della Zerostudio’s srl sono restate non sottoscritte 49.500 azioni (con sovrapprezzo di 9 euro ad azione e un valore quindi di 495 mila euro). I diritti sono in mano a Santoro e la moglie, che però li gireranno alla associazione Servizio pubblico in cambio di quei 495 euro. Alla fine   Santoro e signora avranno comunque in mano il 52,63% della società, avendo pagato le azioni un decimo degli altri soci. Perché loro ci mettono il valore aggiunto, che è appunto Santoro stesso  (la società non era operativa quindi non ha avviamento da considerare). Un valore monetizzato in 810 mila euro, il sovrapprezzo pagato da tutti gli altri: 9 euro per 90 mila azioni.

Resta l’incognita sulla raccolta abbondante dei donazioni: se arriveranno più dei 495 euro necessari, i soldi se li dovrà tenere l’associazione, tradendo lo spirito di quei versamenti,   legati alla nuova tv di Santoro. Se il surplus però sarà versato come contributo a Zerostudio’s, dovrà essere tassato come reddito di impresa. E quindi finanziando Santoro si rischierà di finanziare anche al 27,5% il governo Berlusconi.

di Fosca Bincher

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Franco Giunta

    13 Ottobre 2011 - 09:09

    Così va bene .... ciascuno ha diritto di finanziare chi vuole. I miei dieci euro non li avrà, e penso che chi lo finanzia è un suo fan e l'immagine di Santoro non canbierà sia davanti a loro che lo adorano e neanche davanti a chi non lo vuol nè sentire nè vedere. Tutto regolare, sperando che un po' i tasse vengano prelevate da queste donazioni.

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    13 Ottobre 2011 - 08:08

    appena si parla di santoro ecco che spuntano i soldi , subito. santoro e i soldi. ma santoro pensa sempre ai soldi? sempre?

    Report

    Rispondi

  • alvit

    13 Ottobre 2011 - 08:08

    che ai sinistroidi e' stato fatto il lavaggio del cervello o lo hanno gettato a rottame e pagano il guitto di turno magari con gli ultimi 10 euro che hanno. Quando capirete che questo personaggio e' viscido, tirchio, attaccato ai soldi peggio di debenedictis, e se potesse togliervi le mutande farebbe anche questo, sarà sempre troppo tardi. Sono felice che non arriviate alla terza settimana, fintanto continuerete a mantenere i mantenuti.

    Report

    Rispondi

  • ansimo

    12 Ottobre 2011 - 22:10

    Nel commento n. 14 si chiede cosa succederà a Santoro se dovesse sparire Berlusconi. Niente, semplicemente Santoro, insieme a tutti i giornalisti che che su Berlusconi ci guadagnano, dovrà cambiare mestiere. Speriamo che ciò succeda presto, vuol dire che finalmente l'Italia è tornata una Nazione libera, ma non da Santoro e C..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog