Cerca

Parabola Beyoncé: dal plagio alla presunta gravidanza

La pop star ci ricasca. Dopo la Cuccarini si lascia 'ispirare' da un'altra artista. Nell'occhio del ciclone il video di Countdown, simile al lavoro di una belga

Parabola Beyoncé: dal plagio alla presunta gravidanza
Ci risiamo. Beyoncé è di nuovo sotto i riflettori. Le imprese della cantante mai come in questo momento sono state al centro dell’attenzione. Peccato che la ragione di tanto interesse non sia dovuta al successo del suo ultimo album  ma ad una serie di pettegolezzi che proprio in questi giorni impazzano in rete.

La presunta gravidanza - Primo sospetto: è incinta o non è incinta? Agli MTV Video Music Awards Beyoncè, sposata con la divinità del rap Jay-Z,  aveva fatto intendere, mostrando una pancetta gonfia  al suo pubblico, di essere in attesa del primo figlio, ma sono molti quelli che oggi mettono in dubbio l’arrivo della cicogna, il tutto a causa proprio del suo pancione, colpevole di essersi ‘sgonfiato’ nel corso di una mossa azzardata compiuta nel tentativo di sedersi al “Saturday Night Show”, per poi ‘rigonfiarsi’ subito dopo. Inutile dire che in poche ore la rete si è lanciata nelle più varie  congetture sulla sua gravidanza, che per alcuni altro non sarebbe se non una mossa di marketing di cattivo gusto.

Tra plagio e ispirazione - Lasciato  momentaneamente in sospeso  il problema della presunta maternità è un altro il dilemma che ossessiona in queste ore  i suoi fans: Beyoncè è una copiona? Le accuse di plagio arrivano dalla coreografa belga  Anne Teresa De Keermaeker e riguardano l’ultima fatica dell’artista, il video del singolo “Countdown”, pericolosamente simile a “Rosas danse Rosas”, una coreografia ideata dalla De Keermaeker negli anni ‘90. Di fronte all’innegabile somiglianza di gran parte della coreografia – ma anche dell’ambientazione, del numero di ballerini e delle inquadrature- Beyoncè ha dovuto ammettere che in effetti i suoi coreografi – pagati profumatamente- proprio dalle movenze della De Keermaeker hanno preso spunto, o meglio, ‘ispirazione’ per la costruzione di alcune scene del video musicale. Più che musa ispiratrice però l’artista belga, che senza mezzi termini ha parlato alla stampa che l’ha contattata di furto, si sente vittima di plagio. Un’accusa pensante  per una pop star, specie se non si tratta della prima volta.  Neanche un anno fa Beyoncè si era “lasciata ispirare” anche dall’esibizione Sanremese di  Lorella Cuccarini, riproponendone gran parte delle movenze sul palcoscenico dei Billboard Music Awards al ritmo di  “Run the World”. Una performance straordinaria secondo molti, peccato che non fosse originale.
 
di Donatella Perrone

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog