Cerca

Sfogo di Masi: "Mi sono rotto Vogliono tutti la spintarella"

L'ex dg della Rai a Bisignani: "Basta, sono stufo di prendere schiaffi. Mi chiedon favori a destra e sinistra"

Sfogo di Masi: "Mi sono rotto Vogliono tutti la spintarella"
Nel ginepraio delle intercettazioni ne spunta una tra l'ex direttore generale della Rai, oggi amministratore delegato alla Consap, Mauro Masi e Gigi Bisignani che illumina sui rapporti e gli affari tra i due. Masi, nella conversazione del 28 ottobre, si lascia andare ad uno sfogo con l'amico in cui si dice "stufo di prendere schiaffi" ma soprattutto si dichiara esausto di tutte le richieste di " raccomandazioni" che -a detta dell'ex dg della Rai- piovono da ogni dove, "a destra e a sinistra".

Gli orologi -
Così l'8 ottobre 2010 alle ore 18.10, la consueta conversazione tra i due. Si parla di orologi.
 (...) Bisignani: "Ecco, volevo dirti, mercoledì quella cosa che dicevamo cha da mesi, la rinviavamo, fai trovare qualcuno a casa, lì ho tre orologi"
Masi: "E non c'è dubbio, eh, è ovvio" Bisignani: "Mercoledì, mercoledì, va bene, organizzati"
Masi: "(...) ah, non avevo capito un cazzo, io (...) ora sono talmente preso perché mercoledì io ho il Cda, siccome sto a lavorare...(ride) (...) e siccome col consiglio sono connessi anche (...) anche i tre orologi perché dobbiamo mettere (...)".

L'intervista di Masi -
Il 28 ottobre del 2010, ancora Masi e Bisignani a colloquio. L'ex direttore generale della Rai lo informa di un'intervista concessa a Enrico Paoli di Libero: "Vedila (...) io l'ho rivista, l'abbiamo corretta (...)". Il linguaggio come sempre è in bilico tra Oxford e l'Accademia della Crusca.
(...) Masi: "Ho fatto un'intervistona a Libero (...) oh, mi sono stufato di prendere schiaffi sempre, fammi reagire pure a me qualche volta, porca di quella troia (...)".
Bisignani: "Va bene, ma in questo casino, ma cazzo".

Le raccomandazioni - (...) Masi:
"Ed è un'altra cosa che mi sono rotto i coglioni che tutti mi chiedono la raccomandazione e cose, e poi destra, sinistra, centro e poi la frase è sempre quella: direttore, mi raccomando, resti tra noi (...) no, basta, mi sono rotto il cazzo anche perché qui (...) cioè stiamo come stiamo, non si sposta niente".
Bisignani: "Ma non c'è dubbio".
Masi: "Eh, bunga-bunga sopra e sotto (...)".
Bisignani: "Bunga bunga è una roba proprio, sai, guarda" (...)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cioccolataio

    26 Ottobre 2011 - 11:11

    Ma che diavolo di cricche, P2, logge, mafie abbiamo in Italia?

    Report

    Rispondi

  • fabioserra67

    26 Ottobre 2011 - 08:08

    comunisti !!!

    Report

    Rispondi

blog