Cerca

Vanoni: Strehler cocainomane Mi sono drogata per 2 anni

La cantante, alla vigilia dell'uscita della sua biografia, dichiara di aver fatto uso di stupefacenti durante la sua relazione con il regista

 Vanoni: Strehler cocainomane       Mi sono drogata per 2 anni
Ornella Vanoni tirava cocaina durante il periodo della sua relazione con il regista teatrale Giorgio Strehler. A rivelarlo è la stessa cantante ai microfoni della trasmissione radiofonica 'Un giorno da pecora'. L'artista, di cui è uscita in questi giorni una biografia, intitolata 'Una bellissima ragazza', così ha parlato del suo ex-compagno e dell'uso di cocaina che faceva "Per stare con un uomo che la assume per anni, o la assumi anche tu oppure non ci puoi stare". La Vanoni ha poi aggiunto, rispondendo in maniera secca alla domanda di Sabelli Fioretti che le chiedeva quanti anni era durata la sua dipendenza "Sarà durata due anni. Ho lasciato Strehler, per questo ho smesso." 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Gastone Casali

    05 Novembre 2011 - 20:08

    Una volta ho definito la Vanoni,una cariatide,adesso guardandola meglio,credo assomigli di più ad una camera d'aria di bicicletta.Non pungetela altrimenti si sgonfia.Voler apparire ancora piacente è una impresa impossibile,cara Ornella e,a quasi 80 anni,si deve avere il coraggio di non farsi vedere in queste condizioni.Però devo dire che mi è piaciuta,vederla in tv ubriaca.Sei stata e NON SEI PIU'.Riguardati dagli spifferi.

    Report

    Rispondi

  • boss1

    boss1

    05 Novembre 2011 - 18:06

    e te ne vanti? ma va affa...........

    Report

    Rispondi

  • chiavari

    05 Novembre 2011 - 15:03

    Poveraccio, costretto a farsi di cocaina per trovare il coraggio di continuare a stare con un carciofo simile.

    Report

    Rispondi

  • tempus_fugit_349

    05 Novembre 2011 - 15:03

    questa storia mi fa leggermente schifo come tutte le storie di droga, però bisogna ricordare che gigio strekler era un uomo di sinistra quindi la cosa è meno grave, anzi è un segno del genio, della superiorità culturale e artistica dei comunisti (che oggi si chiamano progressisti).

    Report

    Rispondi

blog