Cerca

Volo al posto della Dandini "Vorrei anche il suo divano"

L'attore al cinema con "Il giorno in più" si prepara a tornare sul piccolo schermo con un programma tutto suo su RaiTre

Volo al posto della Dandini  "Vorrei anche il suo divano"

«Come fai a non girare un film a New York senza pensare a commedie come Harry ti presento Sally?», ha sottolineato l’attore e scrittore Fabio Volo, protagonista di Il giorno in più  tratto dall’omonimo best-seller, scritto da lui nel 2007. Tradotto in 18 lingue, ha venduto oltre un milione di copie. Anche il film è una romantic-comedy lontana dai soliti clichè sdolcinati, ma con una grande capacità di trasmettere emozioni e un sano umorismo. Diretta da Massimo Venier,  anticipa i film di Natale con l’uscita in 450 copie dal 2 dicembre. Nel cast  Isabella Ragonese,  Stefania Sandrelli, Lino Toffolo, Irene Ferri, Pietro Ragusa, Luciana Littizzetto e Roberto Citran. «Odio la stucchevolezza, e tutti gli eccessi tipici di questo genere cinematografico»,  ha sottolineato Volo, «infatti, ho evitato certi luoghi comuni, e ho dato a Giacomo, il personaggio che interpreto, la libertà di essere se stesso, anche se è uno da non incontrare nella vita». Poco più che trentenne è bravo nel lavoro, ma è un collezionista di avventure mordi e fuggi, un seduttore bugiardo e pronto a dileguarsi quando le storie di sesso diventano troppo impegnative. «Siamo di fronte ad un uomo che non vuole crescere, ma non è un bamboccione che rimane a casa sotto l’ala protettrice della mamma. È la nostra generazione che ha una forte mancanza all’educazione sentimentale».

Fabio Volo: "Non siamo bamboccioni".
Guarda il video su LiberoTv

L’attore approfondisce il suo personaggio: «Ha vissuto amori belli e intensi, ma senza sentirsi necessariamente fidanzato con qualcuna. Non ho mai pensato che essere liberi significhi mantenersi single o  viceversa sentirsi ingabbiati solo perché si porta la fede al dito. I nostri genitori sicuramente non hanno amato più di noi, solo che prima ci si sposava e si avevano dei figli, senza essere certi di sentirsi completamente felici in quel particolare momento della vita. Oggi, prima di tutto c’è la consapevolezza di essere persone che vogliono scegliere e decidere cosa sarà il loro futuro. Io, per esempio, non ho mai avuto lunghi fidanzamenti, eppure non sono un single convinto. Anche le donne sono cambiate, hanno la possibilità di realizzarsi, di diventare compagne più consapevoli».

Come Michela (Isabella Raganese), la giovane donna che incontra tutte le mattine sul tram. Lei è un’apparizione improvvisa  in mezzo ai passeggeri. È una donna semplice e dolce, con la quale un uomo immagina di poter costruire qualcosa di autentico. Tra loro c’è uno scambio di sguardi, un’attrazione quasi fatale. Ma lui non si decide, ed è lei a fare il primo passo chiedendo: «Senti, ti va di prendere un caffè?». «Michela è un’impiegata molto apprezzata nella casa editrice dove lavora», ha raccontato la Ragonese, «ma è molto spaventata all’idea di una relazione sentimentale duratura. Lascia poco spazio alle illusioni, anche quando conosce Giacomo, un uomo che le piace molto».

Infatti  accetta di andare a cena con lui, nonostante sia in partenza per New York, dove andrà a dirigere una casa editrice. Per l’amore, quello vero, non  ha  più tempo.  Intanto a Giacomo propongono un importante affare da svolgere  in Sud America, lui accetta, ma durante uno scalo in una città poco lontana da New York ,decide di prendere una macchina e di andare a cercarla. La  trova, e davanti alla sua diffidenza le propone di fare i fidanzati a tempo. Vivono l’amore per soli quattro giorni. Indimenticabili. «Quando scrivo un libro c’è sempre qualcosa di autobiografico»,  ha continuato Volo, «Giacomo e Michela raccontano una parte di me.  Anche l’ultimo libro, uscito un mese fa, Le prime luci del mattino, che ha come protagonista una donna sposata, è molto autobiografico». Il 21 marzo del 2012 torna in tv con un programma su Raitre: «Ho già pronti tre o quattro progetti che adatterò alla rete», ha confermato, «per me è tutto un gioco. Però voglio chiedere a Serena Dandini se mi lascia il suo divano. Penso che sia molto comodo».  Ieri sera red carpet per Il giorno in più   presentato  anche al festival di Torino.

di Annamaria Piacentini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog