Cerca

Minzolini "Io come Santoro, ora lo comprendo" Scatta il ricorso per il reintegro immediato

L'ex direttore del Tg1: "Sono diventato un azzeccagarbugli contro la mia natura". Gli avvocati si muovono per farlo tornare alla direzione

Minzolini "Io come Santoro, ora lo comprendo"  Scatta il ricorso per il reintegro immediato

"Sono diventato un azzeccagarbugli, contro la mia natura. Mi hanno proposto di andare a New York, ma per ora non accetto nulla e vado avanti con il ricorso. Devi fare per forza così per difenderti, uso gli stessi metodi dell'azienda. Ora capisco Santoro con i suoi ricorsi e i tribunali. Ha fatto bene". Così Augusto Minzolini, ex direttore silurato dal Tg1 alla Zanzara su Radio24 parlando della sua 'cacciata' dal telegiornale principale di viale Mazzini. "Se me lo avessero chiesto - spiega Minzolini alla Zanzara - se ne poteva anche parlare, ma hanno applicato per la prima volta una norma che è inapplicabile solo per farmi fuori. Allora mi incazzo e divento un azzeccagarbugli". E infatti i legali di Minzolini agiranno "in via d'urgenza" in sede giudiziaria per ottenere subito, come primo obiettivo, il reintegro alla direzione del Tg1, "senza contare ogni altra azione attivabile nelle sedi competenti e ferme restando le garanzie tutte fissate dall'articolo 3 della legge 97/2001". La notizia è stata resa nota dagli stessi avvocati di Minzolini, Nicola Petracca e Federico Tedeschini, che hanno sottolineato come la legge su cui viale Mazzini ha fatto perno per adottare - con voto a strettissima maggioranza del Cda - il provvedimento nei confronti dell'ex direttore non è applicabile al rapporto di lavoro dei dipendenti della Rai.

La carta aziendale - "Già sto pagando una pena - ha proseguito l'ex Direttorissimo ai microfoni della Zanzara - perché sono stato rinviato a giudizio, come il 97 per cento delle persone che passano dal tribunale di Roma, ma sono stato costretto ad andare via. Per questo la butto su questo piano". Sul caso della carta di credito aziendale il Minzo spiega: "Gli altri direttori prima di me non ce l'avevano, io l'ho chiesta come benefit compensativo perché ce l'avevo anche alla Stampa". Ma che bisogno avevi, visto lo stipendio?, chiedono i conduttori Giuseppe Cruciani e David Parenzo: "Guadagnavo come direttore 540mila euro all'anno, non molto di più rispetto alla Stampa ma con maggiori responsabilità. Erano spese di rappresentanza".

Il "paradosso" - E comunque "non ho mai chiesto un rimborso per le spese già sostenute con la carta di credito, sarebbe stata una truffa, questo sia chiaro" spiega Minzolini. "Per due anni nessuno mi ha detto niente - ha continuato - perché se qualcuno mi avesse chiesto di mettere i nomi dei miei ospiti lo avrei fatto. Ma il bello è che nessuno dei miei predecessori ha mai scritto un nome delle persone con cui andavano a pranzo e a cena. Hanno applicato alla lettera una circolare interna solo con me. E il colmo è che le spese di rappresentanza io alla fine le ho rimborsate mentre la Rai le ha scaricate fiscalmente. La Rai - ha concluso con una domanda - ci ha guadagnato, non è un paradosso?".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    29 Dicembre 2011 - 23:11

    Chi usa la carta della RAI per le proprie spese? Cos'é? E' il leader del TG1.- ''Si scrive leader e si pronuncia lader''

    Report

    Rispondi

  • Marco40

    26 Dicembre 2011 - 20:08

    di questo personaggio,va' oltre ogni decenza.Si dimentica che Santoro fa' giornalismo,mentre Lui fa' Propaganda Politica.

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    26 Dicembre 2011 - 19:07

    ... quando parte la brocca non c'è nulla da fare ...... accontentatelo altrimenti tra un mese dirà :" Io ... come Biagi."

    Report

    Rispondi

  • Placido Olivieri

    26 Dicembre 2011 - 19:07

    Se uno come minzolini guadagna 540mila €uro al mese siamo proprio alla frutta. E dal suo dire si evince che questo sia il guadagno di un direttore di testata. Se poi considero che i giornalisti (tutti) abbaiano contro la casta, mi vien da dire che questo atteggiamento moralistico è semplicemente ridicolo. Quindi, minzolini e voi giornalisti guadagnate 10 volte lo stipendio di un dirigente scolastico, 5 volte lo stipendio di un dirigente ministeriale, 27 volte lo stipendio di un docente, 92 volte la pensione INPS. Alla faccia! Abbiate, almeno, il pudore di tacere.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog