Cerca

E' morto Giancarlo Bigazzi genio della musica leggera

Era stato autore di successi come "Lisa dagli occhi blu" e "Gloria". Per il cinema scrisse la colonna sonora di "Mediterraneo"

E' morto Giancarlo Bigazzi genio della musica leggera

È morto il produttore discografico, compositore e paroliere Giancarlo Bigazzi, ex leader del gruppo degli Squallor, autore di grandi successi della musica italiana come "Lisa dagli occhi blu", "Gloria", "Si può dare di piu", "Gente di mare". Bigazzi, nato Firenze nel 1940, è deceduto nella notte a Viareggio dove era ricoverato da alcuni giorni nell'Ospedale Versilia.

Il primo successo risale al 1968: "Luglio" per Riccardo del Turco, poi verranno "Lisa dagli occhi blu" (1969) cantata da Mario Tessuto, "Montagne verdi" (1972) per Marcella Bella, "Erba di casa mia" (1972) per Massimo Ranieri, "Gloria" (1979) per Umberto Tozzi, "Gente di marè (1987) interpretata da Umberto Tozzi e Raf, "Gli uomini non cambiano" (1992) per Mia Martini, "Cirano" (1996) per Francesco Guccini, "Il Pazzo" (2002) per Mina. Fra gli interpreti dei suo brani anche i Ricchi e Poveri, i Camaleonti, Ornella Vanoni, Nino Ferrer, Caterina caselli, Gianni Bella, Loretta Goggi, Marco Masini. Per gli Squallor Bigazzi scrive tutti i testi e ne interpreta qualcuno, apparendo anche come attore nei due film nei quali gli Squallor si cimentano: "Arrapaho" e "Uccelli d'Italia". Per il cinema è stato anche autore di colonne sonore: "Mery per sempre" e "Ragazzi fuori" di Marco Risi, "Mediterraneo" di Gabriele Salvatores.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • VincenzoAliasIlContadino

    19 Gennaio 2012 - 15:03

    Retorico affermare che era un grande della musica,lo conobbi, quando per lavoro frequentavo gli studi Rai-Tv, le sale d’incisioni di Milano,doppiaggio Fono Roma a Cologno Monzese, Philips 7, Phonogram, Fonorama del M° Carlo Alberto Rossi ove ho incontrato tutti i musicisti e artisti degli anni ‘60 ‘70. Condoglianze ai familiari. Vincenzo Di Tolve.

    Report

    Rispondi

blog