Cerca

A Cannes presidente di giuria l'anti-Caimano Nanni Moretti

L'attore e regista, vincitore della Palma d'oro nel 2001, guiderà la giuria del festival del cinema. E' il settimo italiano a farlo

A Cannes presidente di giuria l'anti-Caimano Nanni Moretti

Sarà l'autore de "Il Caimano" ed ex animatore deo "girotondi" Nanni Moretti il presidente della sessantasettesima edizione del festival del cinema di Cannes, che si svolgerà dal 16 al 27 maggio. L'attore e regista italiano, 58 anni, ha finora presentato sei film al Festival di Cannes ed è stato membro della giuria nel 1997. «È una gioia, un onore e una grande responsabilità presiedere la giuria del festival cinematografico più prestigioso del mondo e che si svolge in un paese che ha sempre avuto nei confronti del cinema attenzione e rispetto» ha dichiarato Moretti accettando l'invito che gli è stato rivolto. «Come regista, ho sempre vissuto con emozione la partecipazione dei miei film al Festival di Cannes. Per "La Stanza del figlio"  ha ricevuto la Palma d'Oro nel 2001.

Prima del regista romano 58enne, altri sei italiani hanno presieduto la giuria del Festival di Cannes dalla nascita della kermesse: Sophia Loren nel 1966, il regista Alessandro Blasetti nel 1967, Luchino Visconti nel 1969, Roberto Rossellini nel 1977, Ettore Scola nel 1988 e Bernardo Bertolucci nel 1990.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcolelli3000

    21 Gennaio 2012 - 19:07

    ma quelle sono cose da ricchi, adesso ci sono cose serie a cui pensare. altro che ste' stupidaggini di lusso.

    Report

    Rispondi

  • biri

    21 Gennaio 2012 - 08:08

    Chiami i bananas, e arriva alvit... (che, si vede benissimo, di cinema ne capisce: lo hanno chiamato a presiedere il festival della patata lessa)

    Report

    Rispondi

  • alvit

    20 Gennaio 2012 - 19:07

    Un komunista di mer@@ che di cinema non capisce un ca@@o, che come attore e' la negazione profonda, ma che e' considerato dai kompagni di merende e dai froci, una stella brillante. Fortunatamente agli oscar non ci siamo arrivati, il cinema italiano e' di una fetecchia infinita, se non ci fossero i cinepanettoni, i film di muccino, i sinistri komunisti cosa andrebbero a vedere? Topolino? non lo capiscono. Questo becero pseudo regista chissà chi ha pagato per prendere quel posto. Sarà stato imposto dal partito, altrimenti chi si ricordava più che esistesse.

    Report

    Rispondi

  • spadino65

    20 Gennaio 2012 - 18:06

    forza bananas scatenatevi.....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog